L’ultima settimana del Forno e Sapori di via Garibaldi

    67

    MAGENTA –  La notizia era iniziata a circolare qualche mesi fa. Ora ne abbiamo la triste certezza. Il Forno e Sapori di via Garibaldi abbasserà la claire alla fine della prossima settimana. Una scelta senza dubbio dolorosa quella che ha portato Piermaria Magnaghi e il suo team a lasciare dopo cinque anni la piazza di Magenta per trasferirsi in quel di Abbiagrasso, zona San Pietro. La prossima settimana pubblicheremo un’intervista a Magnaghi che sarà anche un commiato e un sentito ringraziamento rispetto all’affezionata clientela del Forno. Lo abbiamo sentito al telefono poco fa: “Sono giorni difficili, soprattutto sul piano emotivo, qui ci conosciamo tutti per nome, dal primo all’ultimo cliente”.

     

     

    Già perchè il Forno e Sapori – proseguendo la brillante intuizione di don Cesare Tragella – ancora oggi, continuava a svolgere una funzione sociale importante, soprattutto nei confronti delle persone di una certa età, magari sprovviste di auto. Insomma, l’idea di quella ‘bottega sotto casa’ dove ci si reca, non solo per fare la spesa, ma anche per scambiare quattro chiacchiere. Specialmente per le persone più avanti con gli anni, l’uscire di casa per la spesa  rappresenta una specie di rito. Un stimolo in più nel corso della giornata. Senza contare che il Forno, come luogo di aggregazione lo è diventato, anche grazie a quell’angolo bistrot dove in tanti in questi anni hanno scelto di trascorrere il momento della pausa pranzo. Sicuramente poi accanto all’aspetto sentimentale, c’è poi la domanda forse più ovvia, ancorché scontata: E adesso? Che ne sarà? Chi porterà avanti l’attività del Forno? Arriverà un altro ristorante cinese, giapponese o egiziano? Noi ovviamente tifiamo per la continuità almeno per quel che riguarda la storica vocazione di questo negozio. Nelle prossime settimane comunque ne sapremo di più. Per il momento resta la tristezza per un’altra attività della Magenta che fu, che, almeno temporaneamente, chiude i battenti.

    F.V.

    Articolo precedenteMagenta: domani mattina la presentazione del progetto ‘Schiaffo’: un bracciale in difesa dei bimbi
    Articolo successivoMagenta, bollette in ritardo. La precisazione: “Non vengono recapitate da Poste Italiane”