L’orto a scuola di Gemeaz arriva anche a 1100 studenti di Bareggio

    137

    Sperimentato anche a Magenta, il piano punta all’educazione alimentare dei ragazzi iscritti alle scuole dell’obbligo

    BAREGGIO – Il comune di Bareggio ha aderito ad una iniziativa innovativa di educazione alimentare dedicata agli alunni delle scuole con l’obiettivo di avvicinarli alla verdura e alla frutta, indispensabili per una corretta alimentazione. Il progetto si chiama “L’orto a scuola” ed è stato sviluppato da Elior Ristorazione, gestore del servizio di ristorazione scolastica.

    Nei giorni scorsi, a circa 1100 studenti di tutte le classi delle Primarie e delle Secondarie di I grado sono stati distribuiti dei semi di una delle tre varietà di ortaggi scelte: pomodoro ciliegino, carota tonda di Parigi e ravanello. Sono verdure facili da coltivare anche in piccoli spazi e i ragazzi possono seminarli dove preferiscono, prendendosene cura giorno dopo giorno in modo divertente. Dopo aver registrato la bustina di semi sul sito www.ortoascuola.it, ciascun alunno può seguire un diario di coltivazione ottimizzato in base alla propria posizione geografica. Questa piattaforma web offre i consigli per tutte le attività da svolgere per far crescere bene le piantine, curiosità e la possibilità di condividere e commentare con altri utenti.

    Comprendere l’origine dei prodotti, rispettare i loro tempi e vederli crescere diventa così un gioco che Elior Ristorazione ha proposto per sottolineare il valore del cibo. La produzione di ciò che mangiamo ogni giorno necessita di lavoro, pazienza, impegno, cura e risorse: è importante quindi non sprecarlo. Veder maturare e raccogliere un frutto coltivato con le proprie mani insegna inoltre a riconoscere e apprezzare un prodotto fresco e di qualità.

    Elior Ristorazione, azienda del Gruppo Elior, numero uno nella Ristorazione Collettiva in Italia, si occupa della ristorazione delle scuole dell’Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado e asilo Nido di Bareggio, preparando ogni giorno circa 1150 pasti. L’iniziativa rientra nel progetto multidisciplinare di Elior per le scuole che ha come tema “Dall’orto alla tavola”. Le attività sono coadiuvate dalla dietista Tiziana Gussoni e coordinate da Claudia Saroni, Responsabile dell’educazione alimentare del Gruppo.

    L’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Bareggio, Giancarlo Lonati, dichiara: “E’ un progetto molto interessante che abbiamo condiviso e sostenuto da subito, far crescere i ragazzi ricordando loro l’importanza dello spreco alimentare, del cibo a Km zero , della possibilità di cimentarsi nel piantare semi di ortaggi di consumo quotidiano e di vederne la loro crescita e maturazione, crea una coscienza civica diversa, rende evidente il trascorrere delle stagioni e della loro importanza nella crescita di  questi frutti della terra. Rende evidente soprattutto l’importanza del lavoro di chi quotidianamente produce questi alimenti per tutti noi, sfatando l’illusione che molti bambini hanno, che la frutta e la verdura ‘cresce sui banchi del supermercato’.”

    Articolo precedenteCastano Primo: venerdì al ‘Paccagnini’ il musical “Il Figliol Prodigo”
    Articolo successivoRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti, di Ivan D’Agostini- 15 marzo