“Lontani con le mani, vicini con il cuore”. All’Azzalin di Inveruno è partito il ‘Maggio Senior’

106

INVERUNO –  “Lontani con le mani, vicini con il cuore”. E’ questo lo slogan quanto mai d’attualità, che caratterizza la XXVI edizione del ‘Maggio Senior’ che ha preso il via domenica presso la Casa Famiglia ‘E.Azzalin’ di Inveruno.

 

 

PROSEGUE LA TRADIZIONE, AL CENTRO DELLA COMUNITA’ – “Anche quest’anno – spiega la Coordinatrice Daria Chiodini – nonostante l’emergenza coronavirus, e perciò con le debite precauzioni e mantenendo la chiusura della Casa Famiglia, abbiamo voluto confermare un appuntamento che è entrato nella storia non solo della nostra realtà, ma più in generale di tutta la comunità di Inveruno”. L’Amministrazione ha fornito il proprio patrocinio e supporterà la Casa Famiglia nella diffusione di alcuni incontri che connoteranno questo Maggio Senior, grazie all’ausilio delle moderne tecnologie, come da programma.

IL PROGRAMMA – La cura dei legami nel periodo di quarantena, come è stato e viene vissuto questo delicato momento dagli anziani, come rimanere vicini nonostante la distanza fisica: saranno questi alcuni dei temi affrontati in questa XXVI esima edizione, con diversi appuntamenti social programmati nel mese di maggio.  Interrogativi che saranno in particolare al centro del primo dibattito che vedrà protagonista la dott.ssa Federica Moroni, psicologa e responsabile dello Sportello Ascolto del Gruppo Sodalitas attivato in concomitanza della pandemia per offrire un ulteriore sostegno agli operatori del Gruppo. “Abbiamo in programma – prosegue Chiodini – anche un momento di preghiera con il nostro parroco don Marco e infine vorremmo organizzare anche un concerto in streaming del Corpo Bandistico Santa Cecilia. Un modo per confermare ancora una volta, seppur a distanza, come la Casa Famiglia sia una tassello centrale nella comunità di Inveruno”.

FESTA DELLA MAMMA E VIDEOCHIAMATE – Intanto domenica, in occasione della Festa della Mamma, a tutte le residenti è stato riservato un omaggio floreale. “Abbiamo voluto mantener viva la tradizione del nostro pranzo – commenta la Coordinatrice – seppur organizzato con i nostri residenti  rimasti nei loro rispettivi piani per rispettare le distanze di sicurezza.  Una modalità nuova che comunque ha garantito il risultato finale: portare un po’ di serenità tra gli anziani in un periodo certo non semplice”. Per tutta la giornata sono state poi organizzate videochiamate con una durata più lunga del consueto, con la preparazione di messaggi speciali da inviare e da far sentire ai propri cari e con canzoni a tema.  “Andremo avanti così per tutta questa settimana – prosegue Daria Chiodini – che è dedicata interamente alla mamma”.

 

comunicato stampa ricevuto in redazione

(*foto tratta dalla pagina FB del Sindaco Sara Bettinelli)

Articolo precedenteUn Piano Marshall per Bareggio: 200 euro di buoni famiglia ed esenzioni dalle tasse
Articolo successivoVigevano, blitz dei carabinieri: sgominata una banda di cinque pusher marocchini nel Milanese