Lombardia, via a progetto pilota per prevenzione del tumore all’utero

228

MILANO  – Regione Lombardia ha avviato un progetto pilota finalizzato alla prevenzione del tumore della cervice uterina. Lo prevede una delibera approvata  dalla giunta.

Con la convenzione tra Regione e Agenzia di Tutela della Salute di Pavia è cominciata la fase operativa attraverso l’utilizzo dell’auto-prelievo abbinato all’HPV test. In particolare, l’Ats invierà a casa delle proprie assistite, in età compresa tra i 30 e i 64 anni, un kit per un auto-prelievo di una piccola quantità di secrezioni dal collo dell’utero. Il test sarà successivamente riconsegnato al laboratorio che lo analizzerà per cercare la presenza di virus HPV. Saranno richiamate per un approfondimento solo le donne con esito positivo e quelle per cui il prelievo verrà identificato come non effettuato correttamente. “Con questo progetto – ha spiegato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Guido Bertolaso – vogliamo rendere l’attività di prevenzione sempre più facile per le donne facilitando l’accesso al test. Le operazioni da effettuare sono infatti alla portata di tutti”. L’obiettivo, ha concluso, “è quello di estendere questa offerta di prevenzione a tutta la popolazione lombarda al termine della prima fase sperimentale che coinvolgerà 5.000 donne”

Articolo precedenteBella iniziativa delle Poste Italiane: un francobollo per ricordare il grande Ennio Doris
Articolo successivoCerano: i mercatini di Natale organizzati dal rione Castello (VIDEO) domenica 4 dicembre