Lombardia, Influenza: la somministrazione dei vaccini potrà avvenire anche in Farmacia

220

Le farmacie lombarde potranno somministrare ai cittadini il vaccino antinfluenzale ed inoltre le stesse farmacie lo consegneranno ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta già autorizzati dalle Ats per le vaccinazioni.

E’ quanto prevede l’accordo tra Regione Lombardia, Federfarma Lombardia e Assofarm – Confservizi Lombardia per la fornitura da parte delle Ats e Asst di dosi di vaccino antinfluenzale alle farmacie che hanno già comunicato l’adesione ai servizi di vaccinazioni e di effettuazione dei test diagnostici. L’atto è contenuto in una delibera approvata oggi dalla Giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti.

La convenzione prevede, oltre la somministrazione dei vaccini, l’esecuzione di test diagnostici in farmacia con prelevamento del campione biologico a livello nasale, salivare o orofaringeo. L’accordo dura sino al 30 settembre 2025.

VICEPRESIDENTE MORATTI: SINERGIA IMPORTANTE CON FARMACISTI – “Un accordo importante – ha detto la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti – che rafforza il rapporto tra Regione Lombardia e farmacie lombarde. Sinergia molto apprezzata anche per la somministrazione dei vaccini antiCovid. Un servizio certamente utile ai cittadini che avranno la possibilità di scegliere dove e quando vaccinarsi”.

 

Articolo precedenteTrecate: cambia il giorno della raccolta dell’umido. Sarà di sabato
Articolo successivoRobecchetto con Induno: Marzorati lascia la carica di capogruppo