ll leggendario Paride Sesti entra nello staff della Boffalorese

    166

     

     

    BOFFALORA – Chi scrive ricorda il leggendario Paride Sesti librarsi con eleganza, tra i pali della porta, sin dai mai abbastanza rimpianti tornei serali del Magentino tra fine anni Ottanta e inizio anni Novanta.

    A 53 anni, Paride Sesti è ancora oggi un esempio: gioca in terza categoria (!!!),dopo aver calcato scenari importanti ed essersi guadagnato il rispetto del mondo del calcio locale.

    La notizia, ufficializzata ieri dal sito web della società, è che Paride Sesti entra a far parte dello staff del Cg Boffalores.  “Boffalora è lieto di comunicare l’ingresso del preparatore dei portieri Sesti Paride che andrà a rafforzare lo staff tecnico in vista della stagione 2018-2019. Paride, 53 anni, una vita per il calcio, tutt’ora in attività in terza categoria come portiere (…. ovvio dire.i..) ha la stessa voglia, tensione e concentrazione di quando ha iniziato. è pronto per questa nuova avventura. L’obiettivo?  Trasmettere la stessa passione ai ragazzi con allenamenti mirati e dimostrati sul campo n prima persona, non solo spiegati.   ” Qui ho incontrato amici veri”, ha aggiunto Paride, “con i quali ho vissuto vittorie e momenti che mi porto ancora con me. Come preparatore dei portieri ho allenato sia giovanili che prime squadre tra cui i portieri del Corbetta in promozione, con cui abbiamo vinto il campionato e siamo saliti in Eccellenza.  Mi piace essere il primo a fargli vedere un esercizio e a fare una parata difficile….se ci riesco io devono arrivare a farcela anche loro…..e guai se non arrivano a farcela. L’allenamento è fatica ma dev’essere anche divertimento perché cosi facendo si ottiene molto di più dai ragazzi. Io sarò il loro mister, il loro amico ed il loro avversario da battere e superare”.

    Nome da leggenda, parole da campione. Grande, Paride Sesti.

    F.P.

    Articolo precedenteMoto Racing Day Magenta, meno uno: ci saranno anche l’ApePizza di Pasquale Moro e il gelato di Rosso Cappuccetto
    Articolo successivoAbbiategrasso, Matteo Curatella ‘vince’ la sua battaglia: ora è cantastorie.. anche per l’anagrafe