L’Italia non entra ai mondiali: Sportlyne vende più magliette dell’Islanda…

    102

    MAGENTA – L’esclusione dai mondiali di calcio dell’Italia non solo ha prodotto il malcontento generale, ma anche una crisi dei negozi finalizzati alla vendita di oggetti sportivi. Abbiamo intervistato la proprietaria di Sportlyne a Magenta per approfondire tali dinamiche di vendita.

    “Data la mancata classificazione ai mondiali dell’Italia sto vendendo più magliette della nazionale islandese e di quella tedesca rispetto a quella italiana. Del resto non mi meraviglio, quando una squadra viene eliminata gli adulti non sono più interessati a comprare maglie e di conseguenza a tifare per loro. I bambini invece continuano a tifare i loro idoli, anche se non fanno parte della propria nazionale, tra questi spiccano Cristiano Ronaldo del Portogallo, Lionel Messi dell’Argentina e infine Neymar del Brasile.

    Un fatto molto divertente che ci ha raccontato è che paradossalmente le richiedono molto di più la coppa dei mondiali acquistata su Amazon per il semplice fine estetico di metterla in vetrina: “Se l’avessi saputo, ne avrei ordinate molte di più piuttosto che ordinare le maglie dell’Italia!”.

    Articolo precedenteE’ partita l’avventura dell’Inter Club Legnano ‘Nicola Berti’ Copia
    Articolo successivoLegnano, parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù: al via i lavori