Libri dal Mondo: “Gli angeli di Daraya” e ‘Il selvaggio’

    61

    Gli angeli di Daraya

    Il villaggio ribelle di Daraya, in Siria, è alle corde per l’assedio implacabile dell’esercito di Damasco.Un inferno che dura da quattro anni, scanditi dai bombardamenti con i barili esplosivi, attacchi con il gas, la morsa della fame che stringe gli abitanti isolati. Di fronte alla violenza del regime di Assad, quaranta giovani rivoluzionari hanno cominciato a recuperare dalle macerie migliaia di libri per raccoglierli in una biblioteca clandestina, nascosta nei sotterranei del villaggio. La loro resistenza attraverso i libri diventa così il simbolo del rifiuto di ogni forma di sopraffazione violenta: un inno alla libertà, alla tolleranza e al potere della letteratura che la guerra minaccia di soffocare.

    “…le loro uniche armi erano i pochi libri che avevano raggranellato clandestinamente…”

    “…grazie ai libri era nato un movimento civile di un nuovo tipo…”

    “…il libro non domina. illumina…”

    “Gli angeli di Daraya” di Delphine Minoui. Edizione La Nave di Teseo

     “Il Selvaggio”

    Vendetta. Solo questo è lo scopo, solo questo per Juan potrà alleviare il dolore, la rabbia per la morte di suo fratello ad opera di giovani estremisti. Il sangue e la morte incombono sulla sua vita, solo un amore immenso e struggente potrà salvarlo. Per Amaruq invece la vita si lega in modo indissolubile con un lupo nelle gelide foreste dello Yukon. Due storie opposte, ma che conduco la persona verso quello stato primitivo ed animalesco che è in tutti noi in un racconto pieno di pathos, violenza e tenerezza.

    “Il Selvaggio” di Guillermo Arriaga Edizione Bompiani

    Recensioni a cura de LA MEMORIA DEL MONDO LIBRERIA EDITRICE
    tel 0297295105  www.memoriadelmondo.it MAGENTA

    Articolo precedenteIl Cavalletto, romanzo breve di Ivan D’Agostini
    Articolo successivoBuccinasco: ruba abiti in un negozio e colpisce commesso, arrestato dai Cc Copia