L’Eurovision secondo Cesare. Ultimo atto. Di Massimo Moletti

182

L’amicizia tra cane e gatti è possibile?  forse una alleanza per sfrattarmi dal divano e pure dalla poltrona è possibile….
Cesare cane bulldog inglese si allea coi miei mici per vedere Don Camillo e l’onorevole Peppone mentre in cucina Lapo e il redivivo Zazzù si godono la partita …
Meno male in tutti i sensi che ho il wi -fi e l’Eurovision me lo sopporto sul Tablet …risparmiandomi un pezzo di pre serata dove i commentatori italiani sono in una edicola aperta con tre gatti intorno …
Io sarò analfabeta ma Corsi e Malgioglio hanno un vocabolario di 100 parole …bellissimo, stupendo, amo, adorabile …

Un miracolo cade la connessione e mi fiondo in salotto dove Cesare è sul trono della mia poltrona mobile a fare su e giù per divertirsi alle mie spalle i gatti sono tutti sul sofà col resto di due ...certo che Don Camillo è sempre Don Camillo e la scena del carro armato è mitica peccato che oggi i carri armati sparino davvero …
Peppone vuole andare alla camera dei deputati e io ritrovo la connessione con l’Eurofestival con una scenografia e luce da mega spettacolo che dà importanza a canzoni piccole …
Tanti artisti si godono questo momento davanti a più di 200 milioni di persone mentre si esibisce la bellissima e sexy spagnola Chanel che avrebbe dovuto esibirsi negli anni 80 li sì avrebbe spaccato …
Super sexy Spagna per difendere le mode e gusti vecchi …che tra brividi con un Mahmood versione capo ufficio con il socio versione palla da discoteca anni 70 cantano in un buon livello artistico e la canzone non è poi così male …

 

 

Questo Eurovision insegna tre cose: la prima è che l’Italia non deve per forza imitare sempre l’Europa almeno per le cose brutte, secondo San Remo ha un livello migliore di qualità e non deve diventare una versione piccola dell’Eurovision e terzo che questa manifestazione è come un bicchiere d’acqua fresca che può fare molto bene in una estate torrida …

Un artista è giusto e doveroso che vi partecipi anche perché deve provare tutte le strade anche se molto spesso sono strade nuove e non sai cosa trovi …
Peccato per  il western interpretazione a cavallo di Achille Lauro visto la sagra europea di paese ci poteva stare alla grande mentre i gatti e Cesare assalgono i croccantini …
Riappare Lapo come la storica Gigliola Cinquetti con una interpretazione con un filo di voce tra tanti giovani una zia arzilla ci sta bene …
La mitica non ho l’età presentò l’ultima edizione 1991 svoltasi in Italia insieme 1992 Toto Cutugno vincitore del 1990 peccato …
Peccato non avere invitato il cantante italiano più italiano e famoso all’estero che poteva regalare un po’ di italianità persa quella magari che su Rete 4 andava in onda con Don Camillo …
Sarò un matto ma è dal 1992 che forse stiamo perdendo il bello delle nostre usanze e usi e costumi tenendo il brutto e attirando il brutto da ogni luogo e cielo terra.
Le fasi della votazione sembra di essere nella tribuna genitori del ex Ceranino d’oro dove la sobrietà e imparzialità dei commentatori italiani rischiano di creare un problema diplomatico con la Spagna e altre nazioni
Alla fine come prevedibile vince l’Ucraina una manifestazione che purtroppo per la musica si svolge tutti gli anni…
Tre cose positive …finalmente è finita, prossimo anno non sarà in Italia e avrà meno spazio terzo il secondo episodio di Don Camillo me lo potrò vedere con tutti i miei animali …
Tra cantanti mascherati per paura di essere riconosciuti dal pubblico e costi veramente faraonici finisce questa edizione 2022 sperando che quella del 2023 sia un pelino migliore.

Però non siamo troppo cattivi l’Eurofestival è una carnevalata innocente che ci fa vedere che forse siamo più simili di quanto pensiamo, ma dobbiamo avere le nostre particolarità …
Si evince il cambiamento di un continente vecchio che purtroppo vuole essere moderno e innovativo anche forzando troppo sull’acceleratore culturale ….
La serata per me l’ha vinta l’eterno Don Camillo sempre attuale e innovativo perché molto spesso non serve strafare e trasformarsi per essere bello ….le tradizioni quelle pulite e buone vanno tenute …non buttare via tutto senza fare un controllo ….

Ciao Eurovision speriamo passino altri 31 anni dal tuo ritorno in Italia… ah piccola polemica in queste dirette tv prima delle canzoni si è fatto vedere tutto il bello dell’Italia tranne Milano.
Forse per rivalità e invidia di Torino? Ecco il falso e cortese sono le cose tradizionali da perdere.

 

 

Massimo Moletti

 

Articolo precedenteMagenta, via agli eventi religiosi per il centenario di Santa Gianna: aperta la Porta Santa in basilica con il Cardinal Bagnasco
Articolo successivoCovid, 27.162 nuovi casi e 62 decessi in 24 ore