NewsTerritorioTerritorio da vivere

#Leonardo500: definito il calendario delle iniziative in città

Si parte venerdì con la presentazione del libro di Costantino D’Orazio ‘Leonardo svelato: i segreti nascosti nei sui capolavori’

MAGENTA – Si apre ufficialmente la serie di conferenze e mostre dedicate ai 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci che copriranno un arco temporale che si apre con questo mese di ottobre e si chiuderà ad aprile 2020, in chiusura dell’anno delle celebrazioni leonardesche. Due gli appuntamenti imminenti, il primo venerdì 18 ottobre alle ore 18.00 in Sala Consiliare, nell’ambito della rassegna Book City, con la presentazione del libro di Costantino D’Orazio ‘Leonardo svelato: i segreti nascosti nei sui capolavori’, alla presenza dell’autore. Un viaggio nella mente e nella personalità di Leonardo attraverso i suoi dipinti.

Si continua con una conferenza di grande valore storico e culturale, martedì 22 ottobre ore 21.00 in Sala Consiliare, data la presenza in qualità di relatore di Gian Lodovico Melzi D’Eril, discendente del pittore Francesco Melzi, discepolo di Leonardo. Titolo della conferenza ’I manoscritti di Leonardo: un’occasione perduta?‘. Nei suoi anni migliori e più intensi, Leonardo condivise molto della sua vita con Francesco Melzi. A lui lasciò il suo immenso patrimonio documentale, ma i discendenti di Francesco Melzi non ne ebbero molta cura, e la maggior parte venne dispersa e in parte definitivamente perduta. Alcuni preziosi documenti vennero salvati dai discendenti di questa famiglia. La storia ricorda che la casata è nota dal XIV secolo. Furono creati conti palatini nel 1468 per diploma dell’imperatore Federico III e nel 1588 la casata venne ascritta al patriziato a Roma. Ottenne inoltre i titoli di conti di Magenta (30 dicembre 1619), di feudatari di Mozzanica (1650), di marchesi di Torricella (1676) e i membri della famiglia furono creati cavalieri del Sacro Romano Impero nel 1683. In seguito al matrimonio di Gaspare Melzi con la gentildonna spagnola Maria Teresa d’Eryl, nella seconda metà del Settecento il ramo principale assunse il cognome Melzi d’Eril e ottenne nel 1750 i titoli di grandi di Spagna di I classe, conti d’Eril, marchesi di Fonte Sacrata, baroni di Orcan e signori di Colsedilla, per successione dalla casata d’Eril.

La linea primogenita della famiglia Melzi ottenne ancora nell’Ottocento il titolo nobiliare di duchi di Lodi (1807). Questo ramo conservò inoltre i titoli di conti di Magenta, patrizi di Milano, con trattamento di don e di donna. I discendenti risiedono a Milano, Pavia, Vaprio d’Adda e Torino. Da qui, il professor Gian Lodovico Melzi d’Eril, già ordinario dell’Università di Milano, ha raccolto una ricca documentazione sulle vicissitudini subite dai documenti lasciati da Leonardo, di cui parlerà nel corso della conferenza.

Sabato 26 ottobre sarà la volta dell’apertura della mostra ‘Leonardo da Vinci: Anatomia in figure’, in collaborazione con il Comune di Vigevano, che resterà in Casa Giacobbe fino al 3 novembre.

Giovedì 7 novembre alle ore 21.00 in Sala Consiliare si terrà la conferenza di Luigi Ferrario ‘Leonardo da Vinci: tre scoperte destinate a cambiare la storia dell’arte’, che chiude il 2019.

Il 2020 si apre il 24 gennaio con la conferenza dell’architetto Felice Sgarella, appassionato e studioso della figura di Leonardo, dal titolo ‘Leonardo: la fisiognomica e le acque’, alle ore 21.00 in Casa Giacobbe.

Uno street food a tema, che vedrà il coinvolgimento di bar e ristoranti magentini che vorranno aderire all’iniziativa, chiuderanno le celebrazioni nel mese di aprile.

“Sono orgogliosa di presentare questo ricco programma di eventi dedicato alle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. Come più volte anticipato, come assessorato alla cultura abbiamo voluto concentrare le proposte nella seconda parte dell’anno e fino alla primavera del 2020 per non sovrapporci al ricco calendario di manifestazioni cittadine e per dare la giusta sottolineatura ed evidenza ad una ricorrenza così importante. Il ciclo di conferenze e le mostre proposte consentono di esplorare la figura di Leonardo sotto i suoi molteplici aspetti, dai codici, alla pittura, alla fisiognomica, alla scienza. Intendiamo coinvolgere le scuole, i gruppi di lettura e le associazioni che hanno aderito al patto per la lettura nella condivisione degli approfondimenti su Leonardo. Il programma di Magenta sarà condiviso a livello territoriale con le altre realtà che, insieme al Consorzio dei Navigli Lombardi, hanno aderito al progetto di promozione sovracomunale. Tutte le attività, di grande spessore, sono realizzate a costo zero per i cittadini, a dimostrazione dell’amore per la cultura e della comunità che relatori ed enti hanno mostrato in questo progetto. Ringrazio Marcello Mazzoleni, presenza attiva sul tavolo della competitività, per la condivisione nella definizione delle iniziative, il Comune di Vigevano e il Consorzio Villoresi”. Questo il commento del Sindaco Calati.

 

 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi