Legnano/Milano, nigeriana 44enne arrestata per sfruttamento della prostituzione

    75

     

    LEGNANO MILANO – Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano, nei confronti di una 44enne nigeriana, a capo di un’organizzazione “familiare” ritenuta responsabile di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione.

    Lo fanno sapere i militari in un comunicato stampa. L’indagine, diretta dalla D.D.A. di Milano e condotta dai Carabinieri della Compagnia di Legnano in stretta collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Foggia, è scaturita dalla denuncia di due giovani nigeriane, le quali, adescate a Benin City (Nigeria), hanno raggiunto l’Italia con la promessa di gestire un negozio. Le donne hanno attraversato il deserto fino alla Libia e il mar Mediterraneo su di un barcone, per essere poi avviate alla prostituzione. Il marito e la figlia della donna arrestata sono stati deferiti in stato di libertà per i medesimi reati.

    Articolo precedenteSpazio Oberdan passa da Città Metropolitana a Fondazione Cariplo
    Articolo successivoTrenord Scurati, Giudici e Trezzani (Lega): “Da Fontana posizione netta per dare risposte efficaci ai problemi dei pendolari”