Legnano, l’ndragheta picchiava per conto della professionista: 5 arresti

    59

     

    LEGNANO –  A Legnano, alle porte di Milano, si è intrecciato un inedito rapporto tra colletti bianchi e `ndrangheta: sono i professionisti questa volta a coinvolgere la cosca locale, per farsi aiutare a riscuotere un presunto credito. Il risultato è un violento pestaggio.L`imprenditore paga e non denuncia, ma la vicenda giunge alle orecchie degli investigatori della Dia di Milano, impegnati nelle operazioni `Linfa` e `Kerina 2`, che i mesi scorsi hanno portato al sequestro di 150 chilogrammi di sostanza stupefacente e all`arresto di 17 persone, per lo più di origine calabrese, per associazione finalizzata al traffico e alla detenzione di droga. Tra queste ci sono tre degli autori del violento pestaggio, avvenuto il 20 gennaio 2017. Si tratta di Giuseppe Morabito, Massimo Emiliano Ferraro e Federico Ciliberto, già condannati in primo grado per i reati di narcotraffico. Il ruolo preminente nella vicenda, però, è di una donna. Paola Galliani, classe 1969, lombarda, è una professionista che lavora nell`ambito economico-finanziario, incensurata e senza legami familiari o personali con la `ndrangheta, con solo una denuncia della Guardia di Finanza risalente al 2016, per esercizio abusivo della professione di broker finanziario. Eppure, dopo aver tentato – come dice in un`intercettazione – di riscuotere il suo presunto credito, di circa 60mila euro, “con le buone maniere”, decide di “scatenare la belva”. Così infatti definisce la `ndrangheta, dimostrando – come spiega in conferenza stampa il sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia Alessandra Cerreti – “di conoscere ed essere consapevole della violenza di queste persone”.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Il pestaggio avviene proprio nello studio della professionista, dove l`imprenditore vittima di estorsione viene attirato con l`inganno dalla Galliani e dal suo collaboratore, Enrico Verità, che gli dicono di voler parlare del presunto credito vantato. Lì l`uomo trova ad attenderlo Morabito e i suoi uomini, che lo picchiano a sangue. Dopo l`episodio, la Galliani scherza al telefono sul pestaggio con Morabito (“un soggetto – spiega la dottoressa Cerreti – contiguo alla `ndrangheta, perché non ha una sentenza definitiva di condanna, ma che per rapporti personali e familiari riteniamo una persona vicina alle cosche `Pesce` e `Bellocco` di Rosarno”), “manifestando – sottolinea il sostituto procuratore – anche in questo una comunanza con la tipologia mafiosa”. Dopo l`aggressione, la `ndrangheta subentra alla professionista nel vantare il credito, che Morabito riesce in parte a riscuotere. Un dettaglio, questo, che gli investigatori vengono a sapere da un`altra intercettazione ambientale, che ha per protagonista Edoardo Novella, figlio di Carmelo Novella, il reggente della struttura `Lombardia` della `ndrangheta ucciso in un agguato a San Vittore Olona (MI) il 14 luglio del 2008, e che a sua volta rivestiva secondo la Dia un ruolo di rilievo nell`organizzazione di narcotraffico sgominata, dal momento che aveva messo a disposizione per la droga i locali di una sua società. Paola Galliani, che non aveva più il suo studio di Legnano ed era ora dipendente di una società, è stata arrestata con l`accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ed è ora in carcere, così come Giuseppe Morabito e Massimo Emiliano Ferraro, finiti in manette nelle operazioni `Linfa` e `Kerina`. Sono invece agli arresti domiciliari il collaboratore della broker Enrico Verità e Federico Ciliberto, un giovane classe 1994, fidanzato con la figlia della Galliani e considerato dagli inquirenti il braccio destro di Morabito.

    Articolo precedenteFestival Glocal 2018, il giornalismo digitale allarga gli orizzonti: quattro giorni, 60 incontri con 150 speaker
    Articolo successivoMagenta, Carlo Cassani entra nello staff di Chiara Calati