Legnano: la comunità di San Paolo ricorda don Luigi Poretti

    215
    LEGNANO – Più che mai nel loro cuore. Ma anche nella generosità con cui, in sua memoria, hanno scelto di finanziare alcune iniziative benefiche. La comunità di San Paolo porta nel suo cammino don Luigi Poretti, storico prevosto della chiesa di via Sardegna in Legnano scomparso il 6 dicembre. Ma la sua traccia resta indelebile non solo per la sua capacità di saper intercettare il cuore e le esigenze spirituali dei fedeli bensì anche per i circa duemila Euro raccolti dalla sua comunità. Una somma che, come disposto dal consiglio pastorale parrocchiale,  sarà destinata appunto alla realizzazione di alcuni interventi di tutto rilievo.
    Della somma totale, 500 Euro andranno a supporto dell’attività dell’associazione sordi Altomilanese, altrettanti alla “Scuola di Babele”, polo degli stranieri desiderosi di approfondire la conoscenza dell’italiano per meglio integrarsi, la stessa cifra a padre Stefano Cartabia e il rimanente a iniziative parrocchiali della Caritas a favore dell’inserimento scolastico dei figli di coloro che sono assistiti. Ma il ricordo commosso che la parrocchia intende tributare a don Luigi non si esaurisce qui. Sabato 22 febbraio alle 21, infatti, la chiesa di San Giovanni spalancherà le porte a un concerto la cui finalità è altrettanto benefica. Il ricavato andrà infatti ad aiutare la missione di fra’ Stefano Invernizzi in una parte di Russia situata tra Cina e Corea del Nord. Don Luigi aveva incontrato fra’ Stefano nel corso di un suo viaggio a san Pietroburgo e ha stretto con lui un’amicizia fraterna, granitica, cristiana. Che farà risplendere il ricordo di questo sacerdote appassionato e legatissimo alla sua comunità anche ad altre latitudini al di là della città del Carroccio.
    Cristiano Comelli
    Articolo precedenteBusto Garolfo: dal Movimento 5 Stelle una mozione per la cittadinanza onoraria al Giudice Nicola Gratteri
    Articolo successivoDairago, sulla riqualificazione di piazza Francesco della Croce la parola ai più giovani