Legnano: diamo un’occhiata alla Medicina di genere

    75

    LEGNANO – Le differenze di genere influiscono su prevenzione, diagnosi e cura delle malattie. Uomini e donne, pur essendo soggetti alle stesse patologie, presentano sintomi, progressione di malattia e risposta ai trattamenti molto diversi tra loro. Ecco perché è sempre più necessario ragionare in un’ottica di Medicina genere specifica. Così com’è sempre più imprescindibile addestrare il personale sanitario al nuovo, innovativo approccio. Muovendo da tali premesse, dopo le prime due edizioni nel 2017 (a Legnano e Magenta) e la terza a maggio 2018 a Magenta, che hanno riscosso molto interesse, l’ASST Ovest Milanese organizza il quarto incontro del convegno “Diamo un’occhiata alla Medicina di genere”: a Legnano domani venerdì 5 ottobre 2018  nella sala consiliare del Castello Visconteo.

    Studiare la fisiologia, la patologia  e la terapia, differenziate per genere, promuovendo così l’appropriatezza e l’equità delle cure è la finalità della Medicina di genere – spiega la responsabile scientifica del congresso, la dottoressa Maria Vittoria Calloni, responsabile  della unità operativa di Neurologia-Stroke Unit dell’Ospedale di Legnano -. A dicembre 2017, con la Legge Lorenzin, la Medicina di genere è stata inserita come branca specialistica nei piani di studio universitari e nei piani sociosanitari di tutte le regioni italiane. Andiamo sempre più verso una medicina personalizzata e di precisione”.

    Il convegno mira a stimolare il dialogo fra specialisti, perché è solo attraverso la condivisione dei saperi che si possono costruire percorsi ad hoc dedicati ai malati. “La Medicina di genere non è la “Medicina delle donne” – riprende la dottoressa Calloni -. Non relega la salute femminile al solo aspetto riproduttivo. E’ una modalità moderna e innovativa di cura che risponde ai bisogni di salute differenziati fra uomo e donna. Inoltre quest’anno si darà ampio spazio alla Pediatria di genere (aspetto assai poco studiato) e alla neoplasia dell’utero e sua prevenzione (per esempio attraverso la vaccinazione antipapilloma virus negli adolescenti)”.

    Articolo precedente“Cinema dello spirito, cinema umano” al ‘Nuovo’ di Magenta
    Articolo successivoMagenta, edilizia: in arrivo il portale per le procedure telematiche