Legambiente Abbiategrasso e la superstrada di Malpensa: levateje er vino… Di Fabrizio Provera

    81

     

    ABBIATEGRASSO – Siamo nostalgici di tante cose, in special modo di certi film dei fratelli Vanzina (Enrico e il compianto Carlo), soprattutto Vacanze di Natale 1983 e Sapore di Mare. Ed è dall’epica pellicola ambientata a Cortina, e dalla scena del pranzo di casa Covelli, con l’immenso Riccardo Garrone, Christian De Sica, la bellissima Karina Huff (anch’essa passata a miglior vita), che ci sovviene una tra le più celebri battute di quell’autentico cult movie dopo aver letto il comunicato stampa di Legambiente Abbiategrasso, che come sempre abbiamo pubblicato integralmente. 

    Levateje er vino, dice l’avvocato Covelli rivolto alla moglie. Fossimo dentro il film lo diremmo o chioseremmo anche noi, dopo aver letto che secondo Legambiente è un bene che la variante di Pontenuovo a Magenta venga di fatto cassata dal progetto di Città Metropolitana.

    Cassata mentre all’ex Saffa sta per insediarsi uno dei progetti industriali più importanti degli ultimi 50 anni per il Magentino, grazie all’avvedutezza di Boffalora?

    Cari legambientisti, complimenti sinceri. Abbiate la cortesia di andare un qualsiasi giorno di traffico feriale, in ora di punta, a ripeterlo al cospetto di chi ci abita. Oppure andate a Robecco, e vi renderete conto che il legittimo lamento del sindaco Barni deriva dal fatto che l’ex Provincia rispolvera, come nella lampada di Aladino, un progetto vecchio di 30 anni (il ponte a nord) che deturperebbe il tratto più bello dei Navigli milanesi, quello tra Robecco e Pontevecchio, a fianco delle ville di delizia ammirate da tutta Italia. E per fortuna che si tratta di Legambiente e non della lista Asfalto che Ride del geniale Carcarlo Pravettoni ideato dal corrosivo talento toscano di Paolo Hendel.

    Andando poi a impattare con evidenza nel tratto della vallata del Ticino verso la frazione di Casterno, porta verde che conduce al fiume azzurro.

    Anche la versione Anas che passerebbe tra Cassinetta e Albairate è impattante, ma non ci si venga a dire che le proposte di Città Metropolitana sono così migliorative..

    Paradossalmente, e chiudiamo, Legambiente esclude dal suo documento quello che a nostro avviso è l’unico e indubbio pregio delle proposte metropolitane: l’eliminazione dei maledetti semafori lungo la 494 Baggio Castelletto ad Albairate e Cisliano.

    In tutto, per tutto e dopo tutto, purtroppo Legambiente dà e ha dato il suo ‘contributo’ che ha IMPEDITO di realizzare un’opera infrastrutturale attesa da decenni, voluta dalla stragrande maggioranza degli enti locali DEMOCRATICAMENTE ELETTI e dalla stragrandissima maggioranza di chi vive a Vigevano, Ozzero, Abbiategraso, Robecco e Magenta. E scusate se è poco..

    Per il resto, e tutto il resto, sia sempre lode ai Vanzina e a Riccardo Garrone: levateje er vino..

    Fabrizio Provera

     

     

     

    Articolo precedenteSuperstrada Malpensa: variante di Pontenuovo ‘cassata’ e ponte a nord di Robecco, Legambiente plaude. Contenti loro..
    Articolo successivo‘++Il Salone del Mobile alla fiera di Rho, dal 5 settembre. Bella notizia, Cecchetti (Lega) l’è cuntent