Lealtà Azione a Bià, anche i 5 Stelle si stracciano le vesti (e prendono una solenne cantonata)

    101

     

    ABBIATEGRASSO –  Il 6 e il 7 luglio 2018 si terrà ad Abbiategrasso, presso lo spazio fiera, la festa del sole 2018, un evento organizzato da Lealtà Azione – Federazione.

    Il Movimento 5 Stelle di Abbiategrasso ha appreso dai media la notizia dell’evento, che in passato ha generato polemiche e preoccupazione per l’ordine pubblico.

    La giunta di centrodestra di Abbiategrasso, in spregio all’agire democratico non si è degnata di informare l’opposizione di aver concesso gli spazi per una manifestazione che trascina immancabilmente una scia di polemiche, quest’anno alimentate dalla partecipazione di parlamentari appartenenti alla compagine governativa e dell’Assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, di Forza Italia.

    In particolare, quest’ultimo, parteciperà al dibattito dal titolo “Tra autonomia e sovranità”, ciò ci lascia sempre più perplessi. L’attuale politica sanitaria, dell’assessore Gallera, è riconducibile a una spinta alla privatizzazione della stessa, tagliando prestazioni e servizi dal pubblico per accreditare il privato, come gli abbiatensi sanno bene, perciò ci chiediamo a che tipo di sovranità e autonomia si vuole arrivare?

    Auspichiamo che i valori democratici e di solidarietà siano ben chiari a questa amministrazione, nazismo e fascismo sono parole che richiamano situazioni che tutti, in un modo o nell’altro, ricordiamo, che devono rimanere ben lontane dalla civiltà. La libertà di parola è indiscussa, ma deve essere coniugata nel rispetto dei diritti di tutti gli altri, singoli e sociali, conciliandola con quello che è il bene comune, proprio perché non venga meno il bene generale, l’ordine pubblico, la pace sociale.

    Movimento 5 Stelle Abbiategrasso

    Cari amici grillini in quel di Bià,

    ricevendo e pubblicando integralmente la vs. nota ci siamo resi conto di una cosa: ci apparite confusi. La procedura di assegnazione degli spazi in via Ticino si è svolta nel pieno rispetto di norme e leggi, e l’Amministrazione di Cesare Nai non aveva alcun dovere preventivo di avvisare chicchessia.

    Non siete d’accordo con Giulio Gallera? Va benissimo, andate e diteglielo. Così magari conoscerete i ragazzi e le ragazze di LA, e vi accorgerete che i vostri timori sono del tutto infondati.

    Fascismo e nazismo: ma dove? Avete letto temi ed argomenti degli incontri? Avete chiara la statura di molti degli ospiti?

    Ma la cosa più divertente è un’altra: forse non sapete che uno dei militanti di LA, Stefano Pavesi, è un consigliere di zona milanese eletto con pieno di voti nella Lega, partito vostro alleato al governo della Nazione. Così come della Lega sono Gianmarco Senna, Stefano Galli e Igor Iezzi, tutti ospiti della festa di LA, quest’ultimo deputato che sostiene la maggioranza 5 Stelle-Lega.

    Per questo (e molto altro) il vostro documento ci pare in contraddizione… con se stesso.

    Ossequi e saluti. E un consiglio: fate un giro alla Festa del Sole, non fidatevi degli strali democratici e antifascisti (e sempre preventivi..).

    Fabrizio Provera

     

    Articolo precedenteGian Mario Vitali va in pensione (ma continuerà a fare, egregiamente, il cardiologo)
    Articolo successivoLa Sc di Lavazza e De Rossi torna a Magenta: perché è un giorno importante