L'EditorialeNews

Le nefaste conseguenze del taglio dei parlamentari.

Pronto Parlamento: il contributo settimanale del nostro Fabrizio Garavaglia

Lo scorso mese di settembre gli elettori hanno approvato la riforma che prevede il taglio dei parlamentari (da 945 a 600). Inutile tornare sui temi già ampliamente dibattuti nel corso dell’iter parlamentare che ha portato all’approvazione della riforma, così come inutile infierire sulla giravolta compiuta dal Pd o sulla promessa che entro fine settembre sarebbe stata approvata, almeno da un ramo del Parlamento, la riforma elettorale. Riforma, ricordiamolo, indispensabile per tamponare almeno in parte i danni provocati da questo taglio.

 

 

Ebbene, da qualche settimana in Parlamento si stanno confrontando le Commissioni Affari Costituzionali di Senato e Camera sul decreto di attuazione della riforma per il ridisegno dei collegi elettorali.

Un disastro, come ben sapevamo.

 

Collegi uninominali che arrivano a comprendere territori di oltre un milione di abitanti, rappresentanze territoriali completamente cancellate. Per fare un esempio, Teramo che da sempre esprimeva un collegio uninominale e quindi un proprio rappresentante in Parlamento, ora vedrà il proprio territorio diviso per una parte sotto L’Aquila e un’altra parte sotto Pescara. Esempi di questo tipo sono a decine. Intere Regioni, al Senato, avranno un solo rappresentante (Val d’Aosta, Molise, Basilicata, Friuli, Umbria, Abruzzo. Mentre Calabria, Sardegna e Marche avranno solo due eletti).

Teniamo presente che fino ad oggi i collegi erano di 120.000 abitanti per la Camera e 200.000 per il Senato.

Non solo, capite bene che fare una campagna elettorale su un territorio di oltre un milione di abitanti fa esplodere i costi delle campagne stesse (alla faccia dei risparmi) e penalizza fortemente i piccoli partiti (in alcun casi si resta fuori anche con il 20% dei voti), le minoranze linguistiche e si mortifica la reale rappresentanza del Paese.

Paghiamo ancora una volta un approccio demagogico, ideologico, anticasta. E questi sono i risultati. Su questo tema, come su decine di altri.

Ma la cosa “divertente” è che stante l’attuale legge elettorale e con questo taglio ovunque la si giri il centrodestra risulta vincente e il centrosinistra penalizzato.

Un capolavoro da intestare a Zingaretti e soci.

 

Per il  Movimento 5Stelle invece un ulteriore deciso passo in avanti, un ulteriore tassello di quell’idea di democrazia artificiale, gassosa, liquefatta.


Gianroberto Casaleggio, co-fondatore del Movimento 5 stelle, adesso dopo la sua scomparsa, ha passato il testimone al figlio

A noi rimangono Istituzioni sempre più lontane dagli elettori, sempre meno rappresentative. Da qui alla delegittimazione degli strumenti democratici il passo è breve, brevissimo.

Sic est.

 

Fabrizio Garavaglia opinionista di TN e nostro corrispondente da Montecitorio

                                                                                                                                                 Fabrizio Garavaglia

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi