Le nefaste conseguenze del taglio dei parlamentari.

    85

    Lo scorso mese di settembre gli elettori hanno approvato la riforma che prevede il taglio dei parlamentari (da 945 a 600). Inutile tornare sui temi già ampliamente dibattuti nel corso dell’iter parlamentare che ha portato all’approvazione della riforma, così come inutile infierire sulla giravolta compiuta dal Pd o sulla promessa che entro fine settembre sarebbe stata approvata, almeno da un ramo del Parlamento, la riforma elettorale. Riforma, ricordiamolo, indispensabile per tamponare almeno in parte i danni provocati da questo taglio.

     

     

    Ebbene, da qualche settimana in Parlamento si stanno confrontando le Commissioni Affari Costituzionali di Senato e Camera sul decreto di attuazione della riforma per il ridisegno dei collegi elettorali.

    Un disastro, come ben sapevamo.

     

    Collegi uninominali che arrivano a comprendere territori di oltre un milione di abitanti, rappresentanze territoriali completamente cancellate. Per fare un esempio, Teramo che da sempre esprimeva un collegio uninominale e quindi un proprio rappresentante in Parlamento, ora vedrà il proprio territorio diviso per una parte sotto L’Aquila e un’altra parte sotto Pescara. Esempi di questo tipo sono a decine. Intere Regioni, al Senato, avranno un solo rappresentante (Val d’Aosta, Molise, Basilicata, Friuli, Umbria, Abruzzo. Mentre Calabria, Sardegna e Marche avranno solo due eletti).

    Teniamo presente che fino ad oggi i collegi erano di 120.000 abitanti per la Camera e 200.000 per il Senato.

    Non solo, capite bene che fare una campagna elettorale su un territorio di oltre un milione di abitanti fa esplodere i costi delle campagne stesse (alla faccia dei risparmi) e penalizza fortemente i piccoli partiti (in alcun casi si resta fuori anche con il 20% dei voti), le minoranze linguistiche e si mortifica la reale rappresentanza del Paese.

    Paghiamo ancora una volta un approccio demagogico, ideologico, anticasta. E questi sono i risultati. Su questo tema, come su decine di altri.

    Ma la cosa “divertente” è che stante l’attuale legge elettorale e con questo taglio ovunque la si giri il centrodestra risulta vincente e il centrosinistra penalizzato.

    Un capolavoro da intestare a Zingaretti e soci.

     

    Per il  Movimento 5Stelle invece un ulteriore deciso passo in avanti, un ulteriore tassello di quell’idea di democrazia artificiale, gassosa, liquefatta.


    Gianroberto Casaleggio, co-fondatore del Movimento 5 stelle, adesso dopo la sua scomparsa, ha passato il testimone al figlio

    A noi rimangono Istituzioni sempre più lontane dagli elettori, sempre meno rappresentative. Da qui alla delegittimazione degli strumenti democratici il passo è breve, brevissimo.

    Sic est.

     

    Fabrizio Garavaglia opinionista di TN e nostro corrispondente da Montecitorio

                                                                                                                                                     Fabrizio Garavaglia

    Articolo precedenteGli insulti al “Bias” nuova querelle. Sgarella ci “ricasca” e mette un assist solo da spingere in rete per quelli della NUOVA ITALIA
    Articolo successivoBoffalora sopra Ticino, cerimonia commovente al cimitero: posta la Gold Star sulla tomba dei genitori del soldato Emilio Rollo (VIDEO) Copia