Le medie ‘Fermi’ di Vittuone sede internazionale degli esami di inglese e francese

    110

     

    VITTUONE – A tredici anni l’università è lontana e il mondo del lavoro ancora di più. Ma non è mai troppo presto per imparare bene un’altra lingua, requisito che, fra l’altro, ormai è dato per scontato dai selezionatori del personale.
    Per questo, la scuola media Enrico Fermi di Vittuone  – in cui è attivo da 10 anni un progetto con insegnanti madrelingua –  dal 2009 ha introdotto nel suo piano di studi due certificazioni internazionali della padronanza linguistica di inglese e francese: il “Trinity” e il “Delf”. Sono trentotto gli studenti che quest’anno hanno sostenuto la sessione d’esame: trenta per il Trinity e otto per il Delf.
    “Un programma che in questi anni ha portato quasi 300 allievi a ottenere una delle due certificazioni” sottolinea il preside Pasquale Aprea.

     Gli esami d’inglese si svolgono direttamente in classe a Vittuone: l’istituto è sede d’esame non solo per i propri alunni, ma anche per gli esterni. L’esame Delf si svolge invece all’Università Statale di Milano.
    La preparazione agli esami di inglese avviene di pomeriggio ed è condotta dalle insegnanti Tiziana Osnaghi e Gianna Cribiori, una o due volte a settimana con venti ore aggiuntive.

     


    “Alla fine, ciò che conta, è come uno studente riesce a comunicare in lingua straniera. Per questo abbiamo fatto la scelta di puntare sulle competenze orali e, tra i vari enti certificativi, abbiamo scelto gli esami “Gese” del Trinity, che attestano le competenze orali – spiega la professoressa Gianna Cribiori – L’esame consiste in una conversazione con un esaminatore madrelingua che dura 10 minuti. Si comincia con un argomento che i ragazzi scelgono e portano in forma scritta. Amano parlare di loro e delle loro passioni: la fotografia, lo sport, un viaggio in famiglia, il food, il rapporto con i membri della famiglia, il rapporto con i loro animali domestici. Nella seconda parte, la conversazione è più libera. Non è un interrogazione, ma la simulazione di una situazione reale di quando due persone si conoscono. Insomma, nulla di simile a un esame come noi siamo abituati a immaginarlo”. La sessione d’esame si è tenuta lunedì 15 maggio con il professor Tony Gill. L’esaminatore ha giudicato i ragazzi “ben preparati e in grado di affrontare con risultati
    positivi il livello cui sono stati iscritti. Alcuni di loro sono stati ritenuti in grado di affrontare a breve anche il livello successivo”, cosa che avranno  l’opportunità di fare durante l’estate nel college
    di Bath, in Gran Bretagna, dove la scuola media di Vittuone organizza ogni anno una vacanza studio di luglio.
     Gli alunni, che studiano il francese con le docenti Giulia Salerno e Maria Gabriella Villari, per il Delf si sono invece recati in università, accompagnati dall’insegnante Salerno e dalla loro madrelingua di francese.
    Con questi esami si avvicinano i ragazzi al long-life learning, che è l’obiettivo più importante . Al momento, sostenere l’esame per la certificazione è una scelta delle singole famiglie. Il costo varia dai 50 ai 65 euro. Una sponsorizzazione potrebbe facilitare l’accesso all’esame anche ad altri allievi.

    Articolo precedenteMagenta, caso Monno: Enzo Salvaggio difende lei e attacca… la vecchia politica
    Articolo successivoEnzo Miccio a Magenta per sostenere l’amico Castiglioni Luca . Progetto Magenta