Lavoro, Accornero (Carrefour Italia): da remoto fino a quattro giorni alla settimana. Lo smart working è il futuro”

206

 

MILANO  – “Con la fine dello stato di emergenza, ad agosto 2022 è stato firmato un accordo sindacale per rendere disponibile il lavoro da remoto fino a 4 giorni a settimana. Crediamo che lo smart working costituisca uno degli ingredienti fondamentali del lavoro del futuro, che sarà improntato alla massima flessibilità e basato sulla piena responsabilizzazione dei collaboratori, con l’obiettivo di aumentare il benessere e favorire il Work-life balance. Ne è piena dimostrazione anche la nuova sede di Carrefour Italia a Milano, nella quale ci trasferiremo entro il primo semestre del prossimo anno. Sarà situata nel complesso immobiliare di nuova costruzione Park west in zona Bisceglie e sarà fortemente orientata allo smart working, con soluzioni di lavoro ibrido avanzate e spazi che favoriscono collaborazione e l’innovazione”.

 

Così, con Adnkronos/Labitalia, Paola Accornero, general secretary di Carrefour Italia, sulle nuove modalità di organizzazione del lavoro. E per Carrefour non finisce qui. “Sarà inoltre il perno di un sistema multi-hub: ci saranno infatti altri spazi ufficio presso alcuni punti vendita Carrefour, dislocati strategicamente in diverse zone dell’area metropolitana di Milano. Un’ulteriore opzione a disposizione dei collaboratori, che favorirà maggiore sintonia tra i team di sede e quelli dei negozi”, continua.

Secondo Accornero “per chi lavora nelle funzioni centrali, lavorare in un ambiente con un respiro internazionale, dinamico e in forte trasformazione come il nostro è sicuramente fonte di stimoli continui. Nel settore del retail oggi il cambiamento è pressoché costante: questo genera una grande varietà di progetti e c’è davvero grande spazio per l’iniziativa personale. Ma questo vale anche e soprattutto per chi lavora nei punti vendita, dove sperimentiamo sempre nuovi concetti, diamo vita a tante attività con l’obiettivo di garantire sempre più un servizio eccellente ai nostri clienti e portiamo avanti anche un percorso di digitalizzazione in-store, che cambia le competenze dei nostri collaboratori nei negozi”, continua ancora.

Articolo precedenteA Milano un’auto della Polizia locale si scontra con una Ferrari, ferito un motociclista
Articolo successivoIn Regione Lombardia raccolta differenziata al 73%. “Il modello lombardo è virtuoso”