L’Avis Santo Stefano Ticino festeggia il suo primo decennale

    111

    SANTO STEFANO TICINO –  Sembra ieri e invece era l’11 maggio del 2007 quando l’AVIS di Santo Stefano Ticino venne ufficialmente costituita. Questa sezione comunale ha sempre voluto essere presente tra la gente, al servizio del prossimo, non solo per incrementare il numero dei donatori di sangue, ma anche cercando di portare del valore aggiunto per la salute ed il benessere generali. Coerentemente con questo spirito, in occasione dei festeggiamenti per il decimo anniversario, non si poteva esimere dal voler condividere questa grande gioia con i suoi concittadini, soci donatori e simpatizzanti. Avis invita quindi tutta la popolazione a partecipare numerosa alle attività in calendario.

    Sabato 6 maggio, alle  17, è previsto l’arrivo della delegazione dell’Avis gemellata di Ostra Vetere e Barbara. Alle 18, presso la palestra comunale si svolgerà un’amichevole tra la loro squadra di pallavolo femminile e quella locale, che si gemelleranno idealmente all’insegna dello sport.

    Il clou è però previsto per domenica 7 maggio a partire dalle 9 con il ritrovo presso la sede dell’Avis di S. Stefano Ticino, dove si svolgerà la cerimonia ufficiale con molte sorprese in programma tra cui la premiazione dei vincitori del concorso artistico dedicato agli alunni delle scuole.

    La manifestazione sarà accompagnata dal corpo musicale G. Verdi e vedrà presenti le rappresentanze delle autorità locali, della Parrocchia, delle associazioni, dell’ospedale di Magenta e dei vari livelli di governo di Avis, dalle Comunali di zona al Nazionale. Dopo i cortei, la S. Messa e la deposizione al cimitero dei fiori in memoria dei donatori defunti, alle 13, presso la mensa scolastica si terrà il Pranzo dell’Anniversario al quale è possibile partecipare prenotandosi, sino ad esaurimento posti, presso l’Edicola Azzurra o presso la sede Avis (santostefanoticino.comunale@avis.it)

    Articolo precedenteMagenta, ancora un furto alle macchinette della biblioteca
    Articolo successivoLegnano: il primo maggio dei Sindacati ri-mette al centro il lavoro