Cultura/Tempo LiberoNews

L’ANPI di Sedriano & Vittuone e il Centenario della ‘Grande Guerra’

Sabato sera la conferenza storica con il professor Restelli

SEDRIANO – L’ Associazione Nazionale Partigiani Italiani (Anpi) sezione Carlo Chiappa di Sedriano & Vittuone, col patrocinio del Comune di Sedriano, dedica la serata di sabato 3 novembre, alle 21, presso la Sala Comunale Mario Costa in Piazza Seminatore di Sedriano al ricordo della fine della cosiddetta “Grande Guerra” , iniziata nel 2015 e terminata il 4 novembre 1918 con la resa dell’Esercito AustroUngarico e quindi della Germania.

Ma la Grande Guerra rappresento’ la Quarta Guerra d’Indipendenza oppure fu un’Inutile Strage, come la defini’ il Pontefice dell’ Epoca , Papa Benedetto XV nella sua lettera del 1917 ai capi dei paesi belligeranti?

L’ Italia vinse la Guerra, dopo aver superato il terribile trauma della disfatta di Caporetto,  ma usci’ distrutta dal conflitto: lascio’ sul campo ben 680.000 morti e oltre 460.000 tra feriti e invalidi. Da ricordare anche gli oltre 1.000 soldati italiani fucilati per ordine dei loro ufficiali superiori o addirittura per loro stessa mano,  accusati di diserzione spesso per non aver eseguito ordini senza senso. Ancora oggi non è stato reso onore a queste vittime innocenti che ebbero il coraggio di ribellarsi alla carneficina che stava avvenendo sotto i loro occhi.

Ad aggravare la situazione ecco apparire nel 1918  l’influenza Spagnola, la terribile pandemia che uccise 10 milioni di persone in soli due anni, ed ebbe i primi casi nella penisola iberica e poi si diffuse negli USA e in tutta Europa, soprattutto tra i soldati dai 18 ai 40 anni.

La situazione economica italiana  era drammatica con una crescente disoccupazione nell’industria e il crollo della produzione agricola, poiché tanti giovani contadini dovettero abbandonare il lavoro nei campi per andare a combattere al fronte.  Vi era una grande frustrazione anche nei settori della piccola e media borghesia e di tanti combattenti che pensavamo di migliorare la propria condizione sociale dopo aver rischiato la vita per 5 lunghi anni. All’orizzonte si stava preparando a fare la sua apparizione l’epoca terribile del nazifascismo.

Parlerà di tutto questo il professor Giancarlo Restelli , insegnante di Storia e Italiano presso l’Istituto Bernocchi di Legnano. Ricercatore storico attento e imparziale ha pubblicato opere sulla Storia della Resistenza, sui campi di Sterminio, sulla vicenda delle Foibe ed anche sulla Grande Guerra , riuscendo a coinvolgere i suoi studenti più volte premiati dalla Regione Lombardia e anche dal Presidente della Repubblica per il loro lavoro di ricerca.

Inoltre la Biblioteca Comunale organizzerà a partire da oggi negli orari di apertura della sede della Biblioteca  una Mostra Monografica di libri sui 100 anni della fine della Grande Guerra. Per Info tel 02 90110881.

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi