L’Alta Velocità arriverà anche a Malpensa

    84

     

    MALPENSA – L’alta velocità arriverà anche a Malpensa. Entro cinque anni l’aeroporto di Milano sarà collegato in maniera diretta a cinque grandi città come Verona, Venezia, Padova, Bologna e Roma e il ci sarà un potenziamento degli spostamenti con aeroporti, come Bologna, Catania, Venezia e Genova e porti, come quello di Civitavecchia, sul litorale a nord della provincia di Roma. Si tratta di progetto previsto dal nuovo piano industriale 2019-2023 delle Ferrovie dello Stato, che per la realizzazione annovera investimenti per 58 miliardi, 15 mila nuove assunzioni dirette, la creazione di un indotto per 120 mila posti di lavoro e una crescita stimata di 90 milioni di passeggeri in più l’anno, con un’accelerazione su 1.600 cantieri. Un’alta velocità che all’aeroporto di Fiumicino di Roma è arrivata a dicembre scorso, collegato ad altre città italiane con sei Frecce al giorno, che agevolano lo spostamento dei viaggiatori da e per la Capitale.

     

    Un riconoscimento per lo scalo milanese che vede i suoi passeggeri notevolmente aumentati negli ultimi dieci anni e un aeroporto sempre più importante per gli spostamenti degli italiani. Inoltre, promette Ferrovie dello Stato, sarà un progetto che avrà tra i suoi obiettivi principali quello del miglioramento complessivo della puntualità dei treni e un’attenzione particolare rivolta ai pendolari, obbligati a spostarsi quotidianamente da una città all’altra per studio o per lavoro. Ferrovie dello Stato conta di arrivare a un contributo annuo sull’aumento del Pil del Paese fra lo 0,7 e lo 0,9%. Per quanto riguarda il trasporto ferroviario regionale della Lombardia invece, ci sarà un potenziamento con l’arrivo di venticinque treni aggiuntivi e si auspica anche un miglioramento dello stato dei binari.

     

     

     

    Articolo precedenteAbbiategrasso, arrestato con un chilo e mezzo e di marijuana. Le analisi lo scagionano: “Principio attivo basso, non fa male”
    Articolo successivoPerché ‘num lumbard’ saremo sempre dei Senzabrera (da Il Foglio)