La Stazione di Trecate e il sempre verde ballo del controllore. La denuncia di Massimo Moletti

330

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO DAL NOSTRO DUCA DI SARONNO – “Egregio Direttore, Le scrivo per riferimenti ai fatti violenti capitati nella stazione di Trecate (NO) del 5 Ottobre scorso, https://www.lastampa.it/novara/2022/10/07/news/calci_e_pugni_alla_polizia_locale_quarantenne_arrestata_alla_stazione_di_trecate-10709399/

quando una donna di più di 40 anni ha dato in escandescenza e colpito gli agenti della Polizia Municipale con calci e pugni…

In passato ho sempre segnalato tramite lettere e post la situazione non troppo positiva della stazione e pure a bordo treni…ho pure più volte chiamato le forze dell’ordine per segnalare le vergognose vicende ai limiti del decoro umano..

Purtroppo, i miei racconti forse un po’ perché li faccio io e un po’ perché molti non prendono il treno da anni sono stati accolti con grasse e sbeffeggianti risate …

In passato per denunciare il lassismo e il menefreghismo e il controllo a campione dei controllori avevo fatto la canzone scema e pure demenziale “il ballo del controllore …vi allego video con belle figliole)…

Una mia personale denuncia alla cecità morale e istituzionale su un problema che coi fatti veniva portato alla luce ..

Non perdiamoci in troppe parole e snoccioliamo i dati e fatti: la stazione di Trecate non ha biglietteria anche se collocata sulla Milano-Novara -Torino

Una stazione dove passano treni s6 direzione Pioltello e che in città Meneghina diventa una metropolitana leggera che ha breve avrà l’incrocio con la metro 4 per Linate !

Una stazione di una città di più di 20 mila abitanti e ormai secondo centro della provincia di Novara.

Una stazione che per la sua comodità di parcheggio e percorrenza e cadenza fornisce i paesi limitrofi e non solo coprendo un bacino d’utenza di più di 100 mila abitanti rendendola una delle più trafficate del Piemonte.

Una stazione che non ha più l’edicola e solo macchinette tutte presidiate da mendicanti e nullafacenti pericolosi per l’incolumità personale.

Monitor non più funzionanti per vedere arrivo e partenza dei treni !

Una sala d’attesa covo di persone ambigue e con deposito biciclette e sala pranzo improvvisata tra rumori digestivi ..

Un servizio igienico molto spesso chiuso o ridotto in un posto poco accogliente per il personale non autorizzato a stare in stazione.

Senza biglietto non si può salire sul treno per effetto contrattuale civile e assicurativo ma neanche sostare in stazione …

Una stazione che meriterebbe un posto di polizia per il numero di frequentanti e per essere al confine tra due regioni e un centro attrezzato per le esigenze minime dei pendolari e passeggeri ..

Poi posso aggiungere la poca propensione di tenere animali e biciclette in maniera idonea, dell’ attraversamento dei binari senza usare sottopasso e il non rispettare la linea gialla di sicurezza …

Una stazione che ormai è una fermata idi una tratta di ferrovie Trenord che dovrebbe essere più sicura e accogliente per il breve tempo che un cliente passa in loco …

Spero che con il futuro le istituzioni preposte non girino più il viso per non vedere e sentire e affrontino i problemi di riqualifica e messa in sicurezza di una stazione che è di riferimento importante per la strada ferrata e i cittadini …

Il ballo del controllore è purtroppo sempre attuale come le persone che viaggiano senza biglietto per loro e molte volte per le loro ingombranti biciclette …

La cosa che fa più male forse perché il personale del treno come molti ha mani e piedi legati è il vedere  il totale arrendevole lassismo ….

Poi l’ira diventa accecante nel vedere che con altri passeggeri la loro fermezza diventa svizzera come da me cantata e provata empiricamente nella canzone …

Speriamo che in futuro si ponga rimedio fermo e sicuro all’abusivismo in stazione e sul treno e ad una riqualifica e abbellimento in sicurezza della stazione.

Spero che il ballo del controllore non sia più attuale e chi di dovere non rida più perché veramente nel sottopasso di Trecate ho visto gente defecare con sforzo …spero che dare voce ai fatti porti chi di dovere a guardare a fatti concreti e non ad aria fritta o aspettare che le acque pardon il treno si fermi …

Articolo precedenteTN dal mondo: le elezioni (e non solo) viste da CNBC International con Virginia Vitalone (VIDEO). A cura di Marco Colombo
Articolo successivoL’Atalanta si fa rimontare, finisce 2-2 contro l’Udinese