La stagione musicale del Lirico: un titolo per ogni concerto

    69

    MAGENTA – La Stagione Musicale 2019 a cura di Totem, che si inserisce nel ricco cartellone del Teatro Lirico (vedi articolo Fabrizio Provera), si ripropone nel format degli ultimi anni caro all’Associazione, presieduta da
    Antonella Piras, e all’affezionato pubblico. “Miriamo a tenere alta la qualità delle proposte musicali e alla loro diversificazione, a dare spazio a formazioni giovanili, a talenti emergenti e ad ospitare altri direttori ed
    orchestre”, afferma la presidente , citando come esempio i protagonisti del Concerto di apertura.

     

     

    Il prossimo 12 gennaio, per “Mozart vs Rossini” (ogni Concerto ha un titolo), l’Orchestra Città di Magenta sarà diretta dal Maestro Michele Spotti, “la cui carriera è in continua sfolgorante ascesa”, mentre al pianoforte siederà Andrea Tamburelli, un musicista, cresciuto alla scuola di Totem, dal curricolo eccezionale. E sull’attenzione ai giovani, appassionati di Musica, insiste anche Giuseppe Miramonti: “A Magenta diamo loro visibilità, premiando il risultato del loro impegno”. Torniamo al calendario. Domenica 27 gennaio, fuori abbonamento, Totem con una propria produzione torna a proporre il Concerto della Memoria, “Quatuor pour la fin du temp” di
    Oliver Messiaen , scritto nel 1940 in campo di concentramento. Regia di Paola Ornati, esecuzione del Quartetto Totem, con la partecipazione dell’attrice Lucilla Giagnoni. A febbraio, “La Musica di Caravaggio” , spettacolo di grande impatto emotivo che prende forma sotto gli occhi dello spettatore: tableaux vivantes creati da Teatri 35 e musiche affidate alla Milano Chamber Orchestra, diretta da Paolo Belloli. In marzo una novità: il Quartetto Eilat propone “La Musica è donna”, Concerto del giorno otto. Il 22 marzo, in collaborazione “proficua” (evidenzia la Piras) con l’Orchestra del Conservatorio ‘G.Verdi’ di Milano: “Il Novecento e le scoperte del passato”, Igor Stravinskij tra avanguardia e tradizione. “Geniali debolezze” è, invece, il titolo del Concerto del 6 aprile, dedicato a R. Schumann e L.van Beethoven, nell’occasione la Milano Chamber Orchestra sarà diretta dal nostro Andrea Raffanini. A chiudere, l’11 maggio, si terrà una serata all’insegna della musica per il cinema di tre grandi compositori italiani quali E.Morricone, N.Rota, N.Piovani e dello statunitense J.Williams, affidata all’Orchestra Città di Magenta, all’Orchestra Giovanile Totem e ancora alla bacchetta del Maestro Raffanini. Particolarmente calzante la chiosa del sindaco Chiara Calati, a proposito della Stagione Musicale come pure di quella Teatrale e Jazz: “Queste proposte di livello alto e ricercato ci fanno sognare e ci nutrono”. Costo abbonamento: platea 70 euro, galleria 50 euro, ridotto (under 26) 40 euro. Costo biglietto: platea 18 euro, galleria 12 euro, ridotto 10 euro. Prelazione abbonamenti da martedì 6 novembre a sabato 24. Vendita abbonamenti da martedì 27 novembre . Vendita biglietti da sabato 15 dicembre.

    Franca Galeazzi

    Articolo precedenteCastano Primo: anziano colto da amnesia si smarrisce, soccorso dalla Polizia locale
    Articolo successivoLombardia, telecamere negli asili: il via dalla Commissione Sanità