La Repubblica elogia il progetto Alzheimer di Abbiategrasso

    89

    La sperimentazione avviata nel 2009 al centro del servizio che il quotidiano dedica alla città

     

    ABBIATEGRASSO –  “Ad Abbiategrasso si danno da fare da un bel po’ di anni, e adesso questa città di 32mila abitanti poco lontana da Milano è una Dementia Friendly Community, cioè un posto dove tutti i cittadini sono coinvolti e imparano a rapportarsi alla persona malata per farla stare bene, nella sua comunità. Progetto ambizioso, ma funziona. Il modello è inglese, città di medie dimensioni dove si lavora insieme per raggiungere l’obiettivo, il loro è di formare 3 milioni di persone entro il 2020. In Italia si inizia con Abbiategrasso, la pioniera, altre città hanno già chiesto di aderire al protocollo.

    Il progetto parte da lontano. Nel 2009 comincia lo screening su 1.321 residenti, nati tra il 1935 e il 1939. Visite neurologiche, indagine genetica, test neuropsicologici, “Mini Mental, Trail Making, Figura di Rey…”, elenca Valeria Marzagalli, che da anni si vede passare davanti questi anziani, e vede il progresso della malattia. Seicento hanno problemi cognitivi. Ma la demenza non è solo la malattia dei vecchi, perché – di rado – si manifesta anche in soggetti più giovani, talvolta a 50 anni. Oltre i 65, colpisce una persona su venti. Oltre gli 80, una su sei. Le cifre fanno impressione e paura”.

    Ad Abbiategrasso tutti conoscono il livello di eccellenza raggiunto negli anni dall’istituto Assp-Golgi Redaelli nella cura del morbo di Alzheimer.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Da oggi lo conoscono molte più persone, grazie all’ampio servizio che il quotidiano La Repubblica ha dedicato all’attività di monitoraggio avviata nel 2009. Attività che viene spiegata con l’intervista dell’inviata agli operatori, agli esperti ed alla pubblicazione dei numeri (spaventosi) dell’Alzheimer in Italia: 600mila malati ed una spesa, per il servizio sanitario nazionale, di circa 11 miliardi di euro ogni anno. 

    Il servizio si può leggere al seguente link:

    http://www.repubblica.it/salute/prevenzione/2017/03/23/news/_curiamoli_col_sorriso_la_sfida_della_citta_diventata_amica_dei_malati_di_alzheimer-161179506/

     

    Articolo precedenteSe Invernizzi (e Pd) tolgono tutto il terreno (e il posizionamento) a Silvia Minardi e Progetto Magenta
    Articolo successivoRUMORS- Saronni, ciclismo e il Dream Team di Abu Dhabi: sbarco a.. Magnago?