‘+La dottoressa Gismondo: ‘Covid resterà, ma quasi innocuo’

    191

     

    “Non si può parlare di immunità di gregge con gli attuali vaccini” anti-Covid, che “prevengono la severità della malattia, ma non bloccano la circolazione del virus, anche se la attenuano e la riducono”. Ci tiene a precisarlo Maria Rita Gismondo, mirobiologa dell’ospedale Sacco di Milano, mentre con il mese di giugno è attesa un’ulteriore accelerazione alla campagna vaccinale e c’è chi prospetta l’approssimarsi del traguardo immunità di gregge. “Più saremo vaccinati, meno virus circolerà e meno possibilità avrà di mutare. Ma Sars-CoV-2 continuerà a circolare”, sottolinea l’esperta all’Adnkronos Salute.

    “Non credo verrà mai ottenuto l’obiettivo di eliminare questo coronavirus, che rimarrà circolante tra noi, pur se in maniera quasi innocua”, evidenzia la direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze del Sacco.
    “L’obiettivo – ribadisce – è non far ammalare e non far andare in terapia intensiva i fragili, e questo lo possiamo ottenere già con queste vaccinazioni”.

    Ecco perché “le mascherine probabilmente presto non saranno più necessarie: perché i fragili saranno protetti dalla gravità della malattia – puntualizza Gismondo – ma non perché il virus non circolerà più. Continuerà a circolare, in una forma ridotta”.

    Articolo precedente‘Gioca sano e vai lontano’: Ats Pavia coinvolge le scuole e combatte la ludopatia
    Articolo successivoMassimo Garavaglia: ‘Pronti 5 miliardi per il turismo, è ora di ripartire’