La conferenza dei Sindaci dell’Alto Milanese “boccia” il Ministro Azzolina

    50
    NERVIANO  – Le loro voci sono diverse. Il coro, però,è compatto: caro ministro Lucia Azzolina, per il futuro delle nostre scuole ci servono risorse e certezze. La “Conferenza dei sindaci dell’Altomilanese” lo mette nero su bianco in un fitto comunicato “Comprendiamo benissimo quali difficoltà sta riscontrando la scuola in questo non facile periodo  – è il tenore del compatto comunicato – ma questo non ci solleva dalla responsabilità di amministratori di sollecitare in tutte le sedi opportune una soluzione in tempi brevissimi dei disagi e delle difficoltà con cui, quotidianamente, gli studenti, le famiglie e il personale scolastico si confrontano”.  La macchia più nera del quadro, precisano,ha un nome già sollevato da tempo ovvero la carenza di personale docente che rischia di pregiudicare la regolarità e qualità delle lezioni.
    “Questo comporterà ancora per un tempo da noi ritenuto eccessivo – prosegue la missiva ad Azzolina – la non garanzia del completo e dovuto servizio di istruzione ed educazione ai nostri studenti nonchè giovani concittadini”.A rimarcare il fatto che non è solo la contingenza del momento formativo, per quanto molto rilevante, a essere a rischio, ma l’investimento sul futuro garantito da questo cursus studiorum. I comuni sottoscrittori della lettera sollecitano quindi un’accelerazione sul discorso delle nomine “per non prolungare oltremodo un disagio e un disservizio che riteniamo non accettabili”. I sindaci  concludono confermando la loro piena disponibilità a collaborare per una subitanea soluzione del problema. Qualche comune, come per esempio Canegrate, gli scorsi giorni non si era limitato a denunciare la situazione in generale ma aveva sfornato calcoli precisi sui numeri di quest’emergenza didattica. Ma,al di là del grezzo seppure significativo ed esplicativo dato numerico, emerge l’esigenza di dare continuità e compattezza a un sistema formativo ripartito con grande determinazione pur a fronte di mille criticità.
    (nella foto in evidenza Walter Cecchin Sindaco di San Giorgio su Legnano e presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Alto Milanese)
    Cristiano Comelli  
    Articolo precedenteLegnano verso il ballottaggio, Radice: “Nessun apparentamento”
    Articolo successivoMagenta: salta la festa per il Coronavirus (NO party, NO Covid) e scusate questo titolo un po’ scherzoso per un argomento così serio