Karate, l’abbiatense Cantatore medaglia di bronzo ai campionati italiani

    78

    Lusinghiero piazzamento per il centro Funakoshi, domenica a Casale Monferrato

     

    ABBIATERASSO – Grande soddisfazione per il settore karate del “Centro Studio Arti Marziali Funakoshi-Yamato”.

    Sabato 10 e domenica 11 giugno, a Casale Monferrato, si sono tenuti i Campionati Italiani Assoluti organizzati dalla FIKTA.

    Alla competizione, che rappresenta l’appuntamento più importante per quanto riguarda il karate tradizionale italiano, potevano accedere solo coloro che avevano ottenuto la qualificazione tramite un podio nel corso delle selezioni regionali.

    Tra i numerosi atleti scesi sui tatami con l’obiettivo del podio, anche due atleti della Funakoshi.

    Arianna Bianchi e Matteo Cantatore, freschi campioni regionali rispettivamente nelle specialità del kata (forma) e del kumite (combattimento), dopo intense settimane di preparazione sotto la guida dei Maestri Patrizia Martini e Gino Mori, hanno dato il massimo per cercare di raggiungere il prestigioso podio.

    E Matteo, alla sua prima partecipazione ai Campionati Italiani (ma che aveva già partecipato allo scorso Trofeo delle Regioni quale componente della squadra della Lombardia conquistando una medaglia d’argento nel kata), è riuscito a conquistare un meritassimo bronzo che lo ripaga di tutto l’impegno e i sacrifici fatti fino ad ora.

    E non solo: grazie a questo podio, come previsto dal regolamento, Matteo parteciperà come testa di serie all’edizione del prossimo anno.

    Arianna, invece, non è purtroppo riuscita ad emulare il suo compagno di dojo, fermandosi al sesto posto in una categoria che vedeva però la partecipazione di ben cinque membri della Nazionale che a livello internazionale continua a mietere successi.

    Già esserci è stato comunque un successo!

    L’aver conquistato un podio, poi, dimostra quanto l’intenso lavoro, a cui gli atleti si sottopongono sempre con la massima dedizione, sia di altissimo livello tecnico.

    Perciò tutti i risultati, che in questa stagione sono stati più che mai sfavillanti, sono uno sprone per continuare a migliorarsi, così come il Karate Tradizionale insegna!

    Articolo precedenteCrisi STF: a luglio i primi licenziamenti, stamani presidio fuori dall’azienda
    Articolo successivoMagenta e il flop dei 5 Stelle, il duro (e lucido) j’accuse di Roberto Bertani