Karate, ancora successi per Cantatore la Funakoshi di Abbiategrasso

    58

     

     

     ABBIATEGRASSO – Domenica 8 aprile a Vercelli si è tenuta la 26esima edizione del “Trofeo Yanagi”, che ha visto la partecipazione di molte Società piemontesi e lombarde affiliate alla FIKTA.

    La competizione prevedeva due distinti trofei: il “Memorial Elisa Bellero”, riservato ai karateka dai 6 ai 16 anni, e il “Memorial Dante Tascini”, riservato invece agli atleti dai 17 ai 35 anni.

    A quest’ultimo, che prevedeva la sola specialità del kumite (combattimento), ha partecipato l’allenatrice della Funakoshi Arianna Bianchi.

    Pur lottando fino all’ultimo, l’atleta abbiatense si è vista sconfitta nell’incontro decisivo che le avrebbe permesso di arrivare in zona podio.

    Comunque una buona e soddisfacente esperienza in vista dei prossimi campionati regionali che si svolgeranno tra aprile e maggio.

    Ma veniamo ora al “Memorial Bellero”, che invece prevedeva la specialità del fukugo, ossia l’alternanza di incontri di kata (forma di combattimento simulato contro più avversari immaginari) e di kumite.

    Primi a salire sui tatami i più piccoli, che se la sono dovuta vedere con avversari molto numerosi ed agguerriti.

    Thomas Restelli (cintura bianca), purtroppo, si è fermato ai piedi del podio, perdendo proprio all’ultimo incontro che lo avrebbe portato in zona medaglia.

    Ottima comunque la sua performance, che gli ha permesso in ogni caso di distinguersi tra oltre trenta atleti!

    Anche le due piccole cinture gialle, Miriam Machina e Alessandro Cucchi, hanno dovuto gareggiare confrontandosi con tre decine di karateka della loro età.

    Se per Miriam le ambizioni sono sfumate nonostante delle prove molto positive, Alessandro con estrema determinazione ha via via scalato la classifica, arrivando così sul terzo gradino del podio e portandosi a casa una bellissima coppa!

    C’era poi un’altra cintura gialla in gara. Si trattava si Sara Lamiri, che purtroppo si è vista superare dalle proprie avversarie.

    I segnali che sono giunti dalle sue prove, però, sono stati comunque positivi!

    Tre poi le cinture marroni che sono salite sui tatami!

    Per Alessandra Rondon, suo malgrado, le ambizioni di podio sono sfumate fin da subito. Non è bastata la sua grinta per superare le avversarie.

    Riccardo Montonati, invece, ci ha provato fino all’ultimo, arrivando così a ridosso delle posizioni che contano.

    Se il suo percorso di crescita iniziato negli ultimi tempi continuerà allo stesso ritmo, di certo Riccardo potrà raccogliere molti frutti del suo costante lavoro in futuro.

    Ultima, ma non meno importante, la cintura marrone Martina Cucchi, che ha cercato di emulare il fratello minore Alessandro.

    Purtroppo per Martina è stata fatale la prova di kumite, che ha relegato la giovane karateka abbiatense ai piedi del podio, che però sicuramente si sarebbe meritata.

    Per lei un piazzamento d’onore e una medaglia per il quarto posto.

    Infine, ultimo karateka della Funakoshi a confrontarsi con i propri avversari, il 16enne Matteo Cantatore (cintura nera).

    Mai sazio di gare e vittorie, Matteo ha dato il meglio di sé!

    Nelle prove di kata ha prevalso nettamente sui suoi avversari, non lasciando loro alcune speranza per la vittoria finale.

    Ma è stato soprattutto nelle prove di kumite che Matteo ha messo in mostra le proprie capacità!

    Giocando d’astuzia, ha indotto all’errore i suoi avversari per poi mettere a segno dei colpi ottimi come quello che gli ha permesso di vincere la finale (in foto) facendogli così conquistare il primo posto e anche i complimenti degli avversari e dei loro rispettivi maestri!

    E non bisogna dimenticare che per Matteo e gli altri membri della squadra agonisti gli impegni non sono di certo finiti qui!

    La stagione continua e le premesse sono ottime!

     

    Articolo precedenteI ‘dissidenti’ di Forza Italia si ritrovano giovedì a Milano
    Articolo successivoLa Bullona di Magenta e il Parco Ticino stasera su Alice Tv