JAZZaltro: da New York a Gallarate, il superquartetto del batterista Jochen Rueckert

    106
    MILANO – È una serata di jazz internazionale quella organizzata da JAZZaltro, la manifestazione che da dieci anni porta i suoni del mondo lungo l’asse della S.S. Sempione e del fiume Olona, tra la provincia di Varese e quella di Milano: sabato 13 luglio (ore 21; ingresso 10 euro), nello spazio antistante al museo Maga di Gallarate (Va), è in programma, infatti, il live del superquartetto guidato dal batterista e compositore tedesco Jochen Rueckert (da anni residente a New York) e completato da tre formidabili e affiatatissimi jazzisti statunitensi quali il chitarrista Mike Moreno, il contrabbassista Matt Penman e il sassofonista Chris Cheek.
    Quest’ultimo, in particolare, è una delle voci più interessanti dell’attuale scena jazz statunitense per personalità ed espressività e vanta collaborazioni con artisti del calibro di Paul Motian, Charlie Haden,  Bill Frisell, Tom Harrell, Kurt Rosenwinkel, Brad Mehldau, Lee Konitz, Joshua Redman, Chris Potter e Mark Turner. 
    Jochen Rueckert si è fatto conoscere a livello internazionale non solo grazie al duraturo sodalizio con il chitarrista Kurt Rosenwinkel e con il suo New Quartet, ma anche militando dal 2000 nel piano trio di Marc Copland e collaborando con musicisti quali Sam Yahel, Seamus Blake e Will Vinson. 
    A Gallarate, Rueckert, classe ’75, attivo anche nell’ambito della musica elettronica, presenterà quasi esclusivamente composizioni originali in cui il tempo swingante e le figure poliritmiche della sua batteria sono al servizio di un jazz moderno, che ha ereditato e sviluppato l’eredità del bop con freschezza ed estro e con una notevole attenzione per le melodie ma anche per una certa varietà strutturale dei pezzi.
    Il concerto è promosso dall’assessorato alla Cultura del comune di Gallarate e, in caso di maltempo, si svolgerà all’interno del museo.
    Articolo precedenteCanegrate, il restyling del Cimitero
    Articolo successivoI rapporti umani, il Narciso digitale al tempo del 4.0 ed il piacere dimenticato della conversazione