Islamici, leghisti e abc del giornalismo: la lezione di Emanuele Torreggiani

    129

    MAGENTA – Ticino Notizie era presente ieri sera alla conferenza stampa della comunità islamica dove è emerso tutto quello che è emerso nelle ultime ore, e su cui noi intendiamo tornare a modo nostro, non utilizzando modi e strumenti che non rientrano neppure lontanamente nel nostro modus agendi. Le uniche parole degne di essere riportate ci sembrano, come spesso capita, quelle di Emanuele Torreggiani. Se qualcuno avesse non diciamo l’intelligenza, ma l’umiltà di ascoltarlo, ci eviteremmo tante di quelle cadute di stile.. E lo diciamo, in primis, a noi stessi.

     C’è un giornalismo che non funziona. Ho sentito ora la dottoressa Stefania Bonfiglio ed il Signor Simone Gelli. Ho chiesto loro, poiché le loro persone sono citate per esteso, se fossero stati  contattati. Mi hanno.risposto in modo negativo. Attenzione questo modo di fare giornalismo non è neppure da dilettanti. Non si può citare un soggetto cui si attribuiscono dichiarazioni penalmente rilevanti come dichiara il titolo, sommario. Quando si fanno queste interviste il soggetto non parla a ruota libera. Deve dire il luogo, la data, l’oggetto, citare testimoni. Non si sintetizza una decina per dare un all’incirca. Non esiste. O meglio, non solo dilettanti allo sbaraglio. Il fatto è che senza documenti e testimonianze precise si mette una merda nel ventilatore. Voi avevate il dovere etico di sentire in diretta sia Bonfiglio che Gelli. Perché non l’avete fatto?  Il giornalismo ha il dovere deontologico di ascoltare le fonti. Non una sola. Le fonti. Non è accaduto. È gravissimo.

    Emanuele Torreggiani

    Articolo precedenteTicinocasa: “Tutto quello che non sai sulla tua casa, te lo diciamo noi”
    Articolo successivoMagenta e degrado, un lettore: ‘Il degrado è anche in via Cler, mi sono trovato un serpente di 1 metro nel box’