Inveruno: il Centro Studi Marcora ricorda la figura di Emilio Ardo

112

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO DA INVERUNO  – “Carissimi

Mi dispiace interrompere la speranza di un nuovo anno più sereno di quello trascorso con la notizia della scomparsa proprio all’affacciarsi del 2021 dall’amico Emilio Ardo.

Nato a Legnano il 23 marzo 1944 , Emilio aveva la politica nel sangue. Ha sempre operato con grande alacrità sia nel locale che in tutta la zona nelle file della DC e  della Base.

Aderì prontamente alla Base nel periodo ‘ 60-70 dopo aver partecipato ad un convegno di gruppo a Boario insieme a molti giovani emergenti nel periodo ’60 -70 ,quale Patrizia Toia, Mariella Marazzini, Maria Rosaria Rotondi.

Infatti è stato segretario di sezione ,segretario di zona di Legnano, consigliere comunale ed assessore ai Lavori Pubblici nella giunta  Potestio.

Tra i promotori del Centro Studi Puecher fondato a Legnano nel 1973 con presidente Pietro Sasinini ex partigiano amico di Marcora per vent’anni punto di riferimento dei cattolici democratici dell ‘Alto Milanese.

Sulla vicende e gli uomini della DC e la Base  della zona di Legnano aveva scritto un  esauriente  memoria pubblicata nel libro La Base nel Milanese.

Personaggio pubblico, è stato anche gran priore della contrada San Magno con cui vinse il Palio per tre  edizioni consecutive.

Professionalmente  operante nel settore del credito, era stato direttore di varie filiali bancarie di zona (salvo una parentesi nel Trentino) ed aveva terminato la carriera come direttore della BCC di Busto Garolfo e Buguggiate.

Da pensionato amava soggiornare nella casa vicino a Ravenna  dove si era anche creato delle nuove amicizie.

Lo ricordo immancabile colla sua testa precocemente grigia  ma ben  curata , col suo fare amichevole ed il vocione suadente quanto critico alle riunioni del sabato pomeriggio in via Mercato e nelle varie celebrazioni  basiste e marcoriane.

Caro Emilio un caro addio

 

Gianni Mainini

Centro Studi Marcora

Articolo precedenteCapannone in fiamme a Canegrate, Vigili del Fuoco al lavoro
Articolo successivoInveruno: anno record per i Vigili del Fuoco volontari, superati i 1.400 interventi nel 2020