Inveruno alla Casa Famiglia ‘Azzalin’ venerdì va in scena l’aperitivo contadino

6

INVERUNO –  Voglia di tornare alla normalità, voglia di tornare ad una vita fatta di relazioni in cui la Casa Famiglia, torni ad essere luogo d’incontro all’interno del paese, confermandosi tassello centrale nella vita della comunità inverunese.  In questa prospettiva debbono leggersi le numerose proposte che in questi mesi hanno e stanno caratterizzando la vita dei Residenti delle Case Famiglia del Gruppo Sodalitas nell’Alto Milanese.

“Indubbiamente, continuiamo a tener sempre alta la guardia – afferma la Coordinatrice  Daria Chiodini – purtuttavia, fatti salvi l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza personale, e tutte le altre opportune precauzioni del caso, l’immunizzazione dei nostri Ospiti, al pari del nostro personale Socio Sanitario è stato un passo avanti decisivo per il ritorno alla normalità. Ovviamente – prosegue Chiodini – seppure in sicurezza, è necessario garantire ai nostri Residenti quella socialità, che il Covid, ha irrimediabilmente intaccato, anche se abbiamo sempre cercato, nel limite del possibile di fare attenzione a questo aspetto anche nel periodo più delicato della pandemia. Adesso ancora di più, visto che ci sono le condizioni per farlo e, soprattutto, complice la bella stagione, possiamo godere degli ampi spazi esterni alla nostra struttura”.

E così che venerdì pomeriggio nel grande giardino della Casa Famiglia ‘E.Azzalin’ dalle 18 in avanti sarà organizzato l’aperitivo contadino. “E’ stata una precisa richiesta dei nostri Ospiti – racconta Chiodini – in quanto, in epoca pre Covid, eravamo soliti organizzare questi momenti all’interno delle antiche corti del paese. Ora dato che ciò non è possibile, faremo la stessa cosa all’interno della Casa Famiglia con l’accompagnamento musicale delle canzoni tipiche della tradizione lombarda in sottofondo”.

Insomma, un bel messaggio di speranza. Ma anche la volontà di non fermarsi e ricreare, per quanto possibile, le situazioni che i Residenti erano soliti vivere durante il periodo estivo. “In questa direzione – conclude la Coordinatrice della Casa famiglia del Gruppo Sodalitas – vanno anche i pomeriggi di gelato andati in scena tra giugno e luglio. In questo caso, il nostro ringraziamento va alla Gelateria Colombo di Inveruno. Anche qui non potendo uscire dalla RSA per potersi gustare un buon gelato, sono stati i gestori dell’attività commerciale a farci questo gentile omaggio, recapitando direttamente in struttura il tutto in piena sicurezza”. 

 

 

 

Articolo precedenteLaghi e fiumi, Assessore Terzi: sconto del 30% sul canone demaniale alle imprese turistico ricettive
Articolo successivoTragedia Mottarone, Sindaca Stresa: “Stiamo lavorando per nuova cabinovia”