News

Invernizzi: “Avanti a piccoli passi, sulla Sanità grosso risultato. Abbiamo salvato il nostro laboratorio analisi ma qualcuno, forse, non se ne è accorto”

MAGENTA – Non c’è solo l’operazione Dubai nella conferenza stampa del Sindaco Invernizzi e della sua Giunta. C’è anche l’occasione di mettere in evidenza quanto fatto in tutti questi mesi sul fronte della legalità e della trasparenza. Non ci sta Invernizzi a prendere lezioni. Né accetta polemiche ingigantite sui giornali e, a suo dire, iniziative dell’Amministrazione di peso, a cui viene dato poco risalto.
“Abbiamo salvato il reparto prelievi del Fornaroli che era a forte rischio. L’avremo qui di sicuro per altri sei anni – incalza il Sindaco – beh, nessuno ha capito o forse ha voluto capire l’importanza di questo sforzo”.
E in materia di Sanità il Sindaco annuncia a breve un incontro pubblico : “Vogliamo capire dove andremo a finire e come sempre porteremo avanti il nostro metodo, che è quello del confronto pubblico, senza filtro, con i cittadini.”.
Invernizzi si toglie un altro sassolino dalla scarpa rispetto al Museo della Battaglia: “E’ stata sollevata una polemica pretestuosa, senza fondamento. Peccato che il Museo che è stato aperto, volutamente in periodo di campagna elettorale, non aveva i requisiti per essere aperto al pubblico. Quello non è un Museo – continua Invernizzi – semplicemente perché mancano le autorizzazioni necessarie, tra cui quella dei Vigili del Fuoco in materia di sicurezza. Certamente – garantisce il Sindaco – lo riapriremo con tutti i crismi entro il prossimo giugno”.
Ma sul fronte della trasparenza Invernizzi accenna ad una serie di provvedimenti di peso che arriveranno in Consiglio comunale domani sera.
“Mi riferisco al documento sulla trasparenza, così come il Piano Triennale contro la corruzione. Sul punto – puntualizza Invernizzi – saremo tra i primi Comuni in Italia ad approvarlo. Senza dimenticare la rete dei Comuni contro la mafia dove quanto a adesioni siamo a quota 40”.
Non ultimo, Invernizzi cita il bando pubblico per la partecipazione alle Società partecipate. “D’ora in avanti le professionalità saranno scelte, in segno di trasparenza, sulla scorta dei profili inseriti in un data base a cui attingerà l’Amministrazione. Mi pare un cambio di prospettiva radicale rispetto a quanto accadeva anche nel recente passato”.
Invernizzi chiosa parlando di trasparenza in termini di sostanza, non tanto di forma. “Quando si chiede un atto in Comune – rimarca non si può andare oltre quanto previsto dagli accessi agli atti. Bisogna capire anche che c’è una trasparenza che costa in termini di tempo e di personale”. Insomma, per il Sindaco altro che Municipio “invalicabile” rispetto a certa documentazione.
E un altro passo in questa direzione dovrebbe venire dalla nuova piattaforma digitale Comuni- Chiamo che sarà presentata al pubblico mercoledì sera, alle 21, in Casa Giacobbe.
“L’Amministrazione – chiarisce il Sindaco – risponderà in tempi precisi alle domande dei cittadini, alle loro segnalazioni in materia di problematiche, anche rispetto al tema della sicurezza. Ritengo che questa oltre ad essere un’ulteriore opportunità effettiva di cittadinanza attiva, sia la conferma dell’impostazione che abbiamo voluto dare in questi mesi al rapporto tra Comune e cittadini”.
FV

Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi