Infortunio sul lavoro a Canegrate: sindacati preoccupati per la sicurezza

    76

    CANEGRATE RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO  –  “Le Segreterie Territoriali Feneal Uil Filca Cisl e Fillea Cgil esprimono la loro sincera solidarietà al operaio infortunato sul lavoro nell’incidente verificatosi ieri sul cantiere in via Treviso a Canegrate.
    L’infortunio di ieri è la dimostrazione dei livelli di destrutturazione che molte imprese hanno
    raggiunto in edilizia.
    Il lavoro e i Lavoratori non sono considerati un valore, ma solo un mezzo per risparmiare
    aumentando i profitti.
    Gli organi competenti faranno le indagini dovute e stabiliranno la dinamica, le cause e le responsabilità di ciò che è avvenuto. Le Organizzazioni Sindacali dell’edilizia da tempo sollecitano il completamento di quanto previsto dal DLGS 81/2008 con la costituzione della patente a punti (strumento fondamentale per la selezione ed il sistema di qualificazione delle imprese),
    l’intensificazione dei controlli e l’aumento delle sanzioni in materia di sicurezza sul lavoro,
    il ripristino del DURC nella sua forma originaria passando in tempi brevi alla certificazione
    della congruità e il contrasto al lavoro irregolare moltiplicatore di incidenti e di infortuni
    mortali.
    La sicurezza sul lavoro deve essere considerata dalle imprese un investimento e non una
    spesa, deve essere considerata un prerequisito e non una variabile dell’organizzazione del
    lavoro.
    Pertanto l’obiettivo è che i Lavoratori dopo una giornata di lavoro ritornino alla loro case
    tra gli affetti delle loro famiglie.

    Per queste ragioni Feneal Filca e Fillea rivendicano l’applicazione del CCNL edile a tutti i
    lavoratori impiegati in cantiere con l’obiettivo di assicurare una adeguata formazione, rivendicano uguali diritti e uguali prestazioni, rivendicano una efficace lotta alla corruzione e all’illegalità che sono foriere di mancate applicazioni delle norme legislative e contrattuali.
    Il fondamentale ruolo degli RLST, con la recente messa in rete a livello regionale lombardo, deve avere in futuro maggior efficacia ai fini del rispetto delle norme sulla sicurezza sul lavoro nella quotidianità del cantiere.
    La sicurezza sul lavoro e la lotta agli infortuni non è solo un problema sindacale, ma
    sociale, politico e istituzionale perché misura il tasso di rispetto che una società ha nei
    confronti di chi suda salario”.

     

     

    Articolo precedenteIl Corpo Musicale Sedrianese compie 100 anni
    Articolo successivoRiconoscimento UNESCO per il fiume Po