Inaugurato l’Ambulatorio di Comunità intitolato alla dott.ssa Elena Sanchsel

    109

    MAGENTA – Grande l’affollamento fuori e dentro il Centro ‘Paolo VI’, domenica mattina. Dopo l’omaggio della Fanfara dei Bersaglieri, schierata in via San Martino, il Parroco, don Giuseppe Marinoni, con i medici e i volontari, alla presenza delle autorità cittadine e di tanta tanta gente, ha inaugurato la sede dell’Ambulatorio di Comunità, intitolato alla dott.ssa Elena Sachsel. Un servizio destinato alla cura dei più poveri, degli ultimi, di coloro che non hanno voce, “il cui bisogno invisibile – come ha evidenziato il dottor Giorgio Cerati – costituisce una grande emergenza di interesse non solo della Chiesa, ma anche dei Servizi Sanitari”. Don Giuseppe, ringraziando tutti, si è detto “particolarmente contento della coincidenza del taglio del nastro di oggi con la ricorrenza dei 50 anni della promulgazione da parte di Papa Paolo VI della ‘Populorum Progressio’, Enciclica di importante valore storico e sociale”, di cui si è proceduto alla lettura di un brano. La nuova realtà solidale, che allarga l’azione concreta di sostegno ai più deboli avviata da ”Non di solo pane”, poco più di un anno fa, con l’apertura del Refettorio di Comunità di via Moncenisio, vedrà impegnati “venti medici e altrettanti infermieri, tre/quattro farmacisti e quindici volontari che cureranno l’aspetto amministrativo”, ha informato il dottor Vittorio Lanzetti. L’avvio dell’attività ambulatoriale ( bisettimale/martedì e venerdì) è previsto per l’inizio del prossimo maggio. Tra gli intervenuti molti volti della politica, oltre al Sindaco Marco Invernizzi, accompagnato dagli Assessori Paolo Razzano e Simone Lonati, l’Assessore Regionale Luca Del Gobbo, le sfidanti di Invernizzi Chiara Calati e Silvia Minardi (ordine alfabetico!) e consiglieri comunali di maggioranza e opposizione. “Oggi rendiamo più forte la nostra comunità – ha commentato il primo cittadino – è un momento bellissimo”.

    Franca Galeazzi

    Articolo precedenteCena senza delitto in Cascina Bullona: una serata memorabile
    Articolo successivoIl ritorno di Michael Gibbs