NewsPolitica

In ricordo del professor Gianfranco Miglio

A diciassette anni dalla scomparsa del politologo della Lega Nord, le parole di Stefano Bruno Galli: "Grazie Maestro! La tua stella continuerà a brillare"

 

MILANO – “Oggi e’ San Lorenzo: tutti con il naso all’insu’, questa sera, cercando – nella volta celeste – le stelle cadenti. Una stella, pero’, non cadra’ mai. E’ quella di Gianfranco Miglio, che mori’ a Como il 10 agosto di diciassette anni fa”. Cosi’ l’assessore all’Autonomia e Cultura di Regione Lombardia Stefano Bruno Galli ricorda Gianfranco Miglio, affidando a Facebook una lunga riflessione.

LOMBARDIA SULLA STRADA DELL’AUTONOMIA – “L’osservazione della volta celeste, la’ dove si scorge il Grande Carro e la Stella Polare, e’ una sorta di viaggio interiore, poiche’ si percorrono sentieri gia’ battuti, ma ci si inoltra anche lungo nuove strade da perlustrare e terreni da dissodare – scrive Galli -. Oggi, in Regione Lombardia, dopo il referendum del 22 ottobre scorso, stiamo percorrendo la strada per ottenere una piu’ ampia
autonomia politica e amministrativa. L’opportunita’ ci viene offerta da uno strumento costituzionalizzato con la riforma del 2001: il regionalismo ordinario differenziato, inteso come superamento del regionalismo ordinario dell’uniformita’”.

L’INTUIZIONE DEL REGIONALISMO DIFFERENZIATO – “Nel 1950 – ricorda l’assessore -, due anni dopo l’entrata in vigore della Costituzione repubblicana e vent’anni prima della nascita delle
Regioni a Statuto ordinario, Gianfranco Miglio si chiedeva: ‘Dobbiamo mantenere, per amor di simmetria, gli stessi controlli tutori e le medesime bardature burocratiche sulla Lombardia e sulla Basilicata? Oppure dobbiamo applicare all’amministrazione pubblica gli stessi criteri pratici che si adottano anche nella piu’ umile delle aziende private, dove il collaboratore inesperto viene strettamente controllato e quello capace viene lasciato invece libero della propria iniziativa? Dobbiamo considerarci una specie di convoglio costretto per l’eternita’ a camminare alla velocita’ ridotta della nave meno efficiente oppure dobbiamo consentire alle regioni piu’ progredite di sviluppare le proprie capacita’ e le proprie risorse di iniziativa, senza inutili impacci, nell’interesse evidente dell’intera comunita’ nazionale?'”.

UN VERO PRECURSORE – “Questa e’ l’essenza del regionalismo differenziato – conclude Galli -. E Miglio, con larghissimo anticipo, l’aveva intuito, lo sottolineo con forza, nel 1950, oltre mezzo secolo prima che venisse costituzionalizzato e quasi settant’anni prima che noi lo percorressimo, come stiamo facendo oggi, per dare alla nostra Lombardia la sua strameritata autonomia. Grazie, Maestro!”. 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi