L'Editoriale

Imbarazzo

A mio avviso è seriamente imbarazzante ascoltare (e vedere, quando parla si agita) il ministro degli esteri europeo (si fa per dire, visto che ogni stato fa e disfa come crede) Enrica Mogherini. Oggi a Strasburgo dichiara, fonte Askanews, che “l’intervento di Mosca in Siria cambia le regole del gioco. Presenta degli aspetti preoccupanti che discuteremo, in particolare per quanto riguarda la violazione dello spazio aereo turco. Ho sempre sostenuto, e credo che questo sarà la sostanza di quanto affronteremo oggi, che gli interventi contro lo Stato islamico devono essere chiaramente indirizzati contro lo Stato islamico e gli altri gruppi terroristici, definiti come tali dalle Nazioni Unite. L’Unione europea, gli Stati Uniti e la Russia hanno tutti e tre un terreno d’intesa comune centrato sulla risoluzione del Consiglio di sicurezza e il quadro Onu. La coordinazione è necessaria per evitare rischi estremamente pericolosi a livello politico e soprattutto militare”. Evidentemente, dal tono ben si comprende del perché il premier Renzi l’ha dirottata altrove con caparbietà, la signora ministro confonde la guerra in atto con un ‘gioco’ di società tipo il burraco o la canasta mentre di guerra si tratta, e nello specifico contro elementi terroristici che non giocano proprio perché non hanno regole. Contestualmente non ha capito che l’intervento russo è semplicemente dovuto alla latitanza politico e quindi militare sia dell’Europa che del’Onu. Sofisticare sullo spazio aereo della Turchia è una sciocchezza indegna in un temino delle scuole medie superiori. La Turchia è, e non da oggi, il più inaffidabile paese semiuropeo, considerando che ancora nega proditoriamente il primo genocidio del ‘900: quello armeno e continua a perseguitare con ogni mezzo la minoranza curda e, nel caso in discussione, non s’è ancora compreso da quale parte si sia schierata la Turchia, di là dai suoi interessi nazionalistici. Putin, che deve proteggere le sue regioni caucasiche confinanti con il califfato, non sta lì a cincischiare. Non se lo può permettere.
Emanuele Torreggiani

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi