I’m not your negro, stasera al Filmforum del Nuovo di Magenta

    48

     

    MAGENTA – Imperdibile FILMFORUM questa sera alle ore 21:15, con una pellicola – documento di straordinaria importanza. 

     “I’M NOT YOUR NEGRO” : una pellicola d’eccezione e di straordinaria importanza CANDIDATO ALL’OSCAR 2017 COME MIGLIOR DOCUMENTARIO

    Malcom X, Martin Luther King Jr. e Medgar Evers
    Nel corso di 5 anni questi tre uomini sono stati assassinati.
    Medgar Evers, morto il 12 giugno 1963.
    Malcolm X, morto il 21 febbraio 1965.
    Martin Luther King Jr., morto il 4 aprile 1968.
    Uomini importanti per la storia degli Stati Uniti d’America e non solo. Questi uomini erano neri, ma non è il colore della loro pelle ad averli accomunati.
    Hanno combattuto in ambiti differenti e in modo diverso, ma tutti alla fine sono stati considerati pericolosi perché hanno portato alla luce la questione razziale.
    Lo scrittore afroamericanon James Baldwin ne raccolse e volle raccontare le memorie, in uno scritto rimasto incompiuto (ed inedito) alla morte di Baldwin nel 1987 intitolato “Remember this House”; recuperato il manoscritto dalla casa editrice McGrawHill, il lavoro è stato reso in forma cinematografica dal regista Raoul Peck nel film “I’m not your negro”.
    Una occasione straordinaria dunque questa sera al CTN di Magenta per conoscere – in lingua originale (voce narrante di Samuel Jackson) e sottotitolata – un’opera in Italia circolata pochissimo ma la cui importanza non sfuggirà al nostro preparato pubblico od agli appassionati della nostra storia contemporanea.
    MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA ECUMENICA (SEZIONE ‘PANORAMA’), PREMIO DEL PUBBLICO SEZIONE ‘PANORAMA’ AL 67° FESTIVAL DI BERLINO (2017, SEZIONE ‘PANORAMA DOKUMENTE’)
    CANDIDATO ALL’OSCAR 2017 COME MIGLIOR DOCUMENTARIO

    Il weekend di prima visione ripropone invece, data l’alta richiesta, (sino a lunedì 26) il film di Gabriele Muccino, “A casa tutti bene”.

    Info: www.teatronuovo.com
    fb: cinemateatroNuovo

    Articolo precedente“La Memoria del Mondo” a Tempo di Libri
    Articolo successivoUrbanamente non si ferma: al ‘Nuovo’ di Magenta arriva Carlo Alberto Redi