Il voto in Emilia Romagna/2. La riflessione di Paolo Razzano

    61

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO DA MAGENTA –

    Tantissimi commentatori, molti politici (anche del mio partito) e un’innumerevole moltitudine di leoni da tastiera, fino a ieri pomeriggio, davano per certa la vittoria di Matteo Salvini in Emilia Romagna.

    Uno che ha passato gli ultimi mesi a fare campagna elettorale in quella regione, tentando di trasformare le elezioni regionali in un test sul governo e in un referendum su se stesso (film già visto, peraltro, da un altro Matteo).

    Il risultato di ieri notte è chiaro: Salvini ha perso di otto punti percentuali, la sua candidata ha preso meno voti della coalizione e il Partito Democratico torna il primo partito in Emilia Romagna. Un bel dire “ce la siamo giocata”.

    Non riesco, quindi, a capire le timidezze e trovo inascoltabili le analisi al ribasso dell’esito politico del voto.

    Certamente la sinistra non ha risolto tutti i problemi. Certamente la fase di rilancio del Pd deve continuare. Certamente ha giocato un ruolo determinante il “fenomeno sardine”.

    Però Salvini ha perso la sua scommessa, e noi abbiamo vinto. Nel centrodestra e nella Lega si aprirà una fase di ridimensionamento del Capitano e noi dobbiamo continuare a correggere i nostri errori e rimetterci in sintonia con i cittadini. Con il sorriso.

    Che magnifica giornata!

    Articolo precedenteIl voto in Emilia Romagna, il commento del PD locale: “Un passo avanti, ma la strada resta in salita”
    Articolo successivoVincere la disgrafia si può ! Il Corsivo Encefalogramma dell’Anima. A cura di Irene Bertoglio