CronacaNews

Il tombino

MAGENTA – Magenta, via Melzi. C’è un tombino in ghisa con stampigliato Città di Magenta. Lo stampo dichiara che è a carico della città. Il tombino in ghisa è lì, inclinato e sghimbescio da più di un mese. Un mese. È stato circondato da quattro cavalletti di ferro provvisti di lampadine lampeggianti gialle che funzionano a metà. Trenta giorni. Ecco, il tombino in oggetto magniloquia l’attuale sinecura amministrativa.
Salvo il sindaco Marco Invernizzi ch’è persona prestata alla politica per passione civile. Ma i suoi assessori che fanno, di là dall’attesa del fatidico ventisette? E i consiglieri tutti? Vergognatevi, e arrossite. Anche di notte.

E.T.

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi