Il Proust di Franca Galeazzi con il dottor Giuliano Sarro

    117

    MAGENTA – Riprende la rubrica della nostra Franca Galeazzi. Il primo Proust del 2017 lo dedichiamo al dottor Giuliano Sarro, Direttore del reparto di Chirurgia dell’Ospedale “Giuseppe Fornaroli”. Eccolo! Vi auguriamo una buona lettura.sarro

    Ospedale Fornaroli

     

     

     

     

     

     

     

     

    Il tratto  principale del suo carattere?

    La disponibilità

    La qualità che preferisce in un uomo?

    L’onestà

    E in una donna?

    La sensibilità

    Il suo principale difetto?

    L’egocentrismo

    Il  suo sogno di felicità?

    Girare l’Africa con un camper attrezzato da sala operatoria

    Il suo rimpianto?

    Nessuno

    Il giorno più felice della sua vita?

    Quelli della nascita dei miei figli

    E il più infelice?

    Quello della morte di mio padre

    L’ultima volta che ha pianto?

    Al matrimonio di mia figlia

    La sua occupazione preferita?

    Se non sono in sala operatoria, il ‘fai da te’ e i motori

    Materia scolastica preferita?

    Matematica

    Autori preferiti?

    Albert Einstein

    Libro preferito?

    ‘ Steve  Jobs’I

    Attore  e attrice preferiti?

    Alberto Sordi

    Film cult?

    Il Gladiatore

    La canzone che canta sotto la doccia?

    Nessuna, sono troppo stonato

    Colore preferito?  

    Blu

    Fiore preferito?

    Rosa gialla

    Città preferita?

    Roma

    Personaggio storico più ammirato?

    Giuseppe Garibaldi

    Personaggio politico più detestato?

    Tutti

    Se dovesse cambiare qualcosa del suo fisico, cosa cambierebbe?

    L’ età

    Stato d’animo attuale?

    Felice

    Le colpe che le ispirano maggior indulgenza?

    Quelle commesse  a fin di bene!!!

    Come vorrebbe morire?

    In un’azione eroica

    Il suo motto?

    Carpe diem

     

     

    Articolo precedenteProva il Metodo Pilates in Onda Verde per rimettersi in forma e star bene con se stessi
    Articolo successivoIl reggimento parte all’alba: ad Abbiategrasso, l’alpino Giovanni Bolciaghi è andato avanti