Il Proust del mese con Antonella Piras

    131

     

     

     

    Il tratto principale del suo carattere?

    La determinazione

    La qualità che preferisce in un uomo?

    Il garbo e la sensibilità

    E in una donna?

    L’ironia e l’intelligenza

     Il suo principale difetto?

    Una leggera tendenza a essere ossessiva-compulsiva

    Il suo sogno di felicità?

    Svegliarmi ogni giorno di fronte al mare

    Il suo rimpianto?

    Aver lasciato poco spazio all’amore

    Il giorno più felice della sua vita?

    Lo sto aspettando

    E il più infelice?

    Ormai l’ho rimosso

    L’ultima volta che ha pianto?

    Qualche giorno fa

    L’occupazione preferita?

    Fare cose belle insieme ai miei amici

    Materia scolastica preferita?

    Musica, naturalmente

    Autori preferiti?

    Diversi, ma su tutti c’è sempre William Shakespeare.  Ok

    Libro preferito?

    Ho classifiche periodiche ma nel tempo uno che permane è Le memorie di Adriano

    Attore  e attrice preferiti?

    La nuova generazione di attori e attrici italiani. Se devo dirne due Anna Foglietta e Pierfrancesco Favino

    Film cult?

    Nuovo cinema paradiso e Ti presento Joe Black

    La canzone che canta sotto la doccia?

    Insieme a te non ci sto più.

    Colore preferito?

    Blu

    Fiore preferito?

    Tulipano

    Città preferita?

    Ho un ritorno di fiamma per Napoli

    Personaggio storico più ammirato?

    Artemisia Gentileschi. Sarebbe molto moderna oggi.

    Personaggio politico più detestato?

    Eh, in questo periodo davvero dura trovarne solo uno.

    Il dono di natura che vorrebbe avere?

    Il talento musicale, quello vero.

    Se dovesse cambiare qualcosa del suo fisico, cosa cambierebbe?

    Elenco lunghissimo… ma l’età si può dire?

    Stato d’animo attuale?

    Un vago senso di nostalgia

    Le colpe che le ispirano maggior indulgenza?

    Quelle generate dall’amore.

    Come vorrebbe morire?

    Velocemente… ma in tempo per salutare

    Il suo motto?

    La rivoluzione in cui credo nasce sempre da uno sguardo.

     

    Franca Galeazzi

    Articolo precedenteParcheggio di via De Gasperi: si cambia formula
    Articolo successivoMilano-Novara: nel fine settimana possibili disagi sulla tratta ferroviaria