Il Politecnico di Milano alla Mivar di Abbiategrasso per le.. Olimpiadi di Architettura Sostenibile

    129

    La squadra italiana per le Olimpiadi dell’Architettura Sostenibile si ritroverà

    dal 14 al 16 giugno 2018 presso lo stabilimento MIVAR di Abbiategrasso per prepararsi

    al Solar Decathlon Europe 2019

    ABBIATEGRASSO  – Il Solar Decathlon Europe è una competizione internazionale nella quale 16 Università da tutto il mondo si incontrano per progettare, costruire e rendere operativo un edificio energeticamente autosufficiente e dalle elevate qualità ambientali. La competizione è definita olimpiade dell’architettura sostenibile e la prossima edizione è prevista nel 2019 a Budapest, in Ungheria. A partecipare per l’Italia sarà il Team SEED Italy (Sustainable Energy Efficent Design Italy), con capofila il Politecnico di Milano: parte del progetto che il team Italia presenterà al Solar Decathlon Europe 2019 sarà realizzata ad Abbiategrasso, presso gli stabilimenti della MIVAR. 

    Durante la fase finale della competizione i team dovranno costruire le case da loro progettate nella città che ospita la competizione, in uno spazio espositivo aperto al pubblico. Le realizzazioni dovranno superare dieci prove in ambiti diversi: a ognuna di queste prove verrà attribuito un punteggio e da ciò deriva il nome della competizione.

    Dall’11 al 16 giugno il Team SEED Italy (Sustainable Energy Efficent Design Italy) si ritroverà prima al Politecnico di Milano per una maratona di progettazione che porterà alla definizione della proposta per il Solar Decathlon Europe. In seguito, da giovedì 14 a sabato 16 giugno, le attività si sposteranno ad Abbiategrasso, presso i capannoni della ditta MIVAR, per sperimentare le prime soluzioni di progetto.

    Il programma è iniziato con un Seminario svoltosi lunedì 11 giugno al Politecnico di Milano in cui sono stati presentati i progetti realizzati dalle rappresentanze italiane nelle precedenti edizioni del Solar Decathlon Europe. Martedì 12 e mercoledì 13 giugno si è svolto, sempre presso il Politecnico di Milano, un Hackathlon: una maratona della durata di 36 ore continuative durante le quali 50 studenti provenienti dalle 8 sedi universitarie italiane coinvolte, si sono ritrovati e hanno lavorato insieme ai docenti per definire la soluzione di progetto in vista di Budapest. Dal 14 al 16 il gruppo di progetto si sposterà ad Abbiategrasso per realizzare alcune soluzioni prototipali che verranno utilizzate nel modulo abitativo che parteciperà al concorso internazionale.

    Negli ampi spazi messi a disposizione dalla MIVAR, nella sede sull’Alzaia Naviglio di Bereguardo, si concretizzeranno alcuni elementi strutturali prodotti con materiali di recupero, oltre che soluzioni d’involucro edilizio a basso impatto ambientale. Il tutto verrà successivamente testato presso il Politecnico di Milano.

    Articolo precedenteGianluca Pozzi da Abbiategrasso, il ‘sesto uomo’ dell’Olimpia Milano
    Articolo successivoDavide Crippa, il grillino novarese dai toni pacati che ora farà il Viceministro di Luigi Di Maio