Il nuovo libro di Giuseppe Rescaldina e Irene Bertoglio: bagarre su facebook

    184

    La sorella del noto psicologo magentino,  Luisa attacca la coautrice del volume: “Ma è laureata per scrivere certe cose?”. La vicenda potrebbe finire in Tribunale

    MAGENTA – Il libro si chiama “Il corsivo encefalogramma dell’anima”. Ed è stato di recente dato alle stampe dal noto psicologo magentino Giuseppe Rescaldina insieme alla collega Irene Bertoglio edito dalla Memoria del Mondo. Giuseppe e Irene ci lavorano da parecchio, tant’è che l’anno scorso di questi tempi, lo psicologo candidatosi di recente a sindaco di Magenta con ‘Assieme Ripartiamo, ci aveva parlato di questo progetto editoriale assai interessante. Poi diventato realtà e presentato, proprio in questo fine settimana, in occasione della tradizionale Festa del Solstizio d’estate, che ogni anno anima la bella Villa Annoni a Cuggiono. Fin qui niente di particolare. Se non fosse che la sorella di Rescaldina, Luisa che nella vita fa la pedagogista, inizia ad insinuare attraverso facebook, che la collega del fratello non sarebbe laureata e che, quindi ,non avrebbe titolo per svolgere la sua attività professionale. Chiede pubblicamente di sapere se e in quale disciplina sia laureata Irene Bertoglio.  Un vecchio detto – sempre valido – diceva che “i panni sporchi si lavano in casa”. Ma qui, purtroppo, viene messo tutto alla luce del sole, fino al ‘post’ di stamani del dottor Rescaldina (subito condiviso dalla collega) che annuncia di agire attraverso denuncia formale nei confronti della sorella per tutelare il buon nome di Irene.  Rescaldina nel ‘post’ parla di vera e propria ‘campagna diffamatoria’ nei confronti della collega e coautrice Irene Bertoglio. Conclude con un “Solidarietà a Irene”.   Una vicenda triste e che, per certi versi, lascia basiti. Che diventa di cronaca e pubblica rilevanza, non fosse altro perchè il dottor Rescaldina è personaggio molto noto al pubblico nel territorio (e non solo. Era un volto conosciuto anche in tivù nei pomeriggi su Rai 2 qualche tempo fa) e anche la sorella Luisa è molto attiva in città. E’, infatti, tra le principali promotrici del cosiddetto ‘Metodo Montessori’, ha organizzato di recente con l’Amministrazione di Magenta un convegno sull’argomento  e da lì è partito il progetto che ha portato ad attivare  presso l’Asilo Fornaroli  una sezione sperimentale dedicata questo innovativo metodo di apprendimento. La vicenda a questo punto sembra destinata a finire in Tribunale?  Forse no – lo speriamo per le parti in causa sinceramente – Rescaldina, infatti, contattato da  TN ha annunciato di voler chiudere al più presto la sua pagina facebook e con essa quindi anche il contenuto del post nei confronti della sorella. Quanto alle denunce, chissà che a quattr’occhi si possa sistemare tutto. Lo speriamo davvero.

    F.V.

    (*nella foto sotto Giuseppe Rescaldina con la collega Irene Bertoglio. Più in basso la copertina del libro)

     

     

    Articolo precedenteMagenta, con Dedalus è tempo di saggi!
    Articolo successivoLadri di biciclette: il codice Qr risolve tutto. Lo dice anche Repubblica