Il Magenta Summer Festival spegne dieci candeline

    108

    MAGENTA  –  Torna e spegne dieci candeline il Magenta Summer Festival organizzato dall’Associazione. I Ragazzi di Magenta e da Young Effect Association.  Un appuntamento davvero imperdibile e che  con il passare degli anni ha raccolto sempre più consensi e partecipanti. Appuntamento dunque, da giovedì alle 18 (apertura dei cancelli) fino a domenica sera alla tensostruttura di piazza Mercato. L’ingresso, come sempre è gratuito, così come il divertimento è assicurato.  Nel corso della prima serata si esibiranno i The McChicken Show (Oktoberfest Tribute Band). A seguire l’inteso programma nel suo complesso:

     

     

     

     

     

     

     

     

    📆 GIOVEDI’ 12 LUGLIO
    Apertura Cancelli h.18.00 

    🕤 LIVE MUSIC FROM 21.30
    The McChicken Show (Oktoberfest Tribute Band)


    📆 VENERDI’ 13 LUGLIO
    Apertura Cancelli h.18.00

    🕤 LIVE MUSIC FROM 21.30
    Nicholas Johnson (Indie Songwriter from USA) //
    Bock and the Sailors (Irish Folk/Rock) //
    PGA – Italian Punks Go Acoustic All Star (Punk Rock Tribute)
    con Andrea Rock official

    📆 SABATO 14 LUGLIO
    Apertura Cancelli h.18.00

    🕤 LIVE MUSIC FROM 21.30
    Gary Baldi Bros (90’s Dance Live)

    📆 DOMENICA 15 LUGLIO
    Apertura Cancelli h.16.00

    🍺 17.00 Torneo di Beer Pong – MSF 2018
    🍔 20.00 Man Vs Food – MSF 2018
    🕤 LIVE MUSIC FROM 21.30
    Dioscuri (Punk’n Roll Beers Cover Band) //
    Hurricanes (Surf Punk Rock Party Band)

    Domenica 15 luglio estrazione di fantastici premi. Come tutti gli anni, inoltre, sarà attivo bar, chiringuito e cucina aperti per tutta la manifestazione con sfiziosi hamburger, panini, fritti, piatti per tutti i gusti e fiumi di birra, sangria e molto altro. Cucina a KM zero assolutamente da provare. Possibilità di prenotazione allo 334.9274322 chiamando o inviando un messaggio Whatsapp.

    Articolo precedenteLa mostra ‘Vivere l’arte’ arriva in Comune a San Vittore Olona
    Articolo successivoIl silenzio composto degli orientali. Di Laura Giulia D’Orso