AssociazioniCultura/Tempo Libero

Il Maestro Viccardi fa vibrare l’Organo Prestinari in San Rocco a Magenta

1° Festival Organistico e corale “Città di Magenta”: Il Maestro Viccardi fa vibrare l’Organo Prestinari nell’antica Chiesa di San Rocco

Organo Prestinari, Maestro Viccardi
il Maestro Viccardi e l’Organo Prestinari in san Rocco

Una pregevole iniziativa questa dell’associazione culturale “Il Bordone” sotto la direzione artistica dei maestri Carlo Tunesi e Luca Ratti. Non una semplice proposta musicale (peraltro sempre benvenuta) ma una operazione di riscoperta e reale valorizzazione di alcune perle della cittadina custodite in altrettanto pregevoli edifici di culto. “Magenta città della musica”, si suol nominare l’adagio; e dunque Magenta “Città d’ organo”, si potrebbe parafrasare.

“La rassegna musicale si pone l’obiettivo di valorizzare gli storici organi custoditi nelle chiese della città di Magenta e nelle chiese delle sue frazioni, Pontevecchio e Pontenuovo: si tratta dei due organi Prestinari di San Martino e di San Rocco, il Balbiani Vegezzi-Bossi di Pontenuovo e il Krengli di Pontevecchio, come illustrano gli organizzatori.

Sabato sera presso quello scrigno incastonato verso la parte sud di Magenta, il primo

Maestro Enrico Viccardi, Chiesa di san Rocco in Magenta
Maestro Enrico Viccardi, Chiesa di san Rocco in Magenta

appuntamento. Organista veramente di eccezione, il Maestro Enrico Viccardi, vero luminare del campo (impossibile riassumere la sua carriera ed i suoi eccelsi studi e riconoscimenti internazionali, cercate nel web). Sua l’arte rara di far rivivere quegli imponenti manufatti di musica ed arte che sono gli organi a canne. Cuore delle celebrazioni liturgiche di tutto il nostro passato europeo, veri strumenti di elevazione ed estasi per i fedeli in tanti secoli. Certamente quando a costruirli erano “artigiani” del calibro del nostro Prestinari ed a suonarli orecchie e mani fatate come quelle del Viccardi. A tutto ciò aggiungiamo partiture che sono entrate nella storia della musica, ed ecco che “il miracolo” si compie.

Viccardi ha scelto una selezione di brani tratti da diverse epoche della storia della musica, scegliendo tra brani non scontati e con qualche sorpresa: da un Georg Muffat con la “Nova Cyclopeias Harmonica” (barocco) all’adattamento per Messa d’organo delle musiche de “La Traviata” di Verdi di Carlo Fumagalli (fine Ottocento).

il Coro parrocchia di San Giuseppe Pontenuovo
il Coro parrocchia di San Giuseppe Pontenuovo

Ad aprire l’evento, il Coro polifonico di San Giuseppe di Pontenuovo (frazione in Magenta), diretto dal maestro Carlo Tunesi, con quattro brani “classici” della polifonia (Palestrina, Arcadelt, Antiquis Venetus).

Ammirazione tra i banchi per le esecuzioni del maestro Viccardi e complimenti per il Coro. Alla fine non è mancato un momento di ensemble tra organista e corale.

I convenuti, coloro che non la conoscessero già, hanno tra l’altro potuto apprezzare la ricchezza iconografica della Chiesa di san Rocco.

Prossimi appuntamenti: sabato 8 ottobre, Chiesa San Giuseppe a Pontenuovo; sabato 5 novembre, Basilica di San Martino; giovedì 8 dicembre Pontevecchio, Chiesa SS. Carlo e Luigi. Ogni appuntamento vede un organista e corali differenti.

Alessandra Branca

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi