Il Laboratorio Musicale Daniele Maffeis di Bià per la “Giornata della Memoria”

160

ABBIATEGRASSO – In occasione della Giornata della Memoria 2022 la compagnia teatrale PianoinBilico e MaffeisLab presentano lo spettacolo  “Etty Hillesum, Diario 1941-1943 – un mondo ‘altro’ è possibile”, lettura scenica delle più significative pagine del diario della scrittrice olandese morta nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1943.

E’ attiva la PROMOZIONE SCUOLA: biglietto ridotto a 5€ per docenti e alunni delle scuole statali e paritarie. Per prenotazione inviare una mail a info@gecobeventi.it

 

ETTY HILLESUM DIARIO 1941-1943
Un mondo “altro” è possibile
Il Diario di Etty Hillesum è un inno alla vita, un contro-dramma che ci ricorda quanto la nostra presenza sulla terra sia un dono.
Nata nel 1914 Etty Hillesum, una donna ebrea di Amsterdam di ventisette anni, morì ad Auschwitz nel novembre del 1943. Il suo diario, fortunosamente scampato allo sterminio della famiglia (ad Auschwitz persero la vita anche i genitori e il fratello Mischa) e poi passato di mano in mano, apparve edito, finalmente, nel 1981, riscuotendo un immenso successo, paragonabile a quello che accolse il Diario di Anna Frank. Otto quaderni fittamente ricoperti da una scrittura minuta e quasi indecifrabile che contengono un‘incessante ricerca dell‘essenziale, del veramente umano, in aperto
contrasto con l’umanità che la circondava in quegli anni. Ascoltando le sue parole noi possiamo seguirla, e anche identificarci con lei, nella sua battaglia contro le forze dell‘io e le forze della storia.
Seguendo il proprio itinerario, Etty maturò una sensibilità religiosa che dà ai suoi scritti una grande dimensione spirituale.
La sua religiosità è tutt‘altro che convenzionale. Adesso, in Olanda, i cristiani rivendicano Etty come la quintessenza del cristianesimo, e gli ebrei come la quintessenza dell‘ebraismo; è una disputa oziosa, perché Etty segue un cammino assolutamente personale. Ha un ritmo religioso tutto suo, che non è dettato da chiese o sinagoghe, né da dogmi, né da nessuna teologia, liturgia o tradizione – cose che le erano tutte completamente estranee.
“E questo probabilmente esprime meglio il mio amore per la Vita: io riposo in me stessa. E quella parte di me, la parte più profonda e la più ricca in cui riposo è ciò che chiamo Dio”. Etty Hillesum Silvia Giulia Mendola, Francesca Ziggiotti e l’orchestra MaffeisLab ,diretta da Michele Fagnani, interpreteranno frammenti tratti da “Il Diario di Etty Hillesum” che potrete ascoltare immersi nella splendida cornice degli affreschi dell’Ex Convento dell’Annunciata.
“Devi seguire i percorsi che la vita delinea davanti a te, in questo momento, le difficili vie di questo pezzo di storia in cui oggi ci ritroviamo a vivere” Etty Hillesum
“[…] la mia consapevolezza di non essere capace di odiare gli uomini malgrado il dolore e l‘ingiustizia che ci sono al mondo, la coscienza che tutti questi orrori non sono come un pericolo misterioso e lontano al di fuori di noi, ma che si trovano vicinissimi e nascono dentro di noi. E perciò sono molto più familiari e assai meno terrificanti”. Etty Hillesum

Il 27 gennaio, il Giorno della Memoria, e il 28 gennaio alle ore 21, presso l’Ex Convento dell’Annunciata. Info e prenotazioni: mail. info@gecobeventi.it cell.3497085598

 

 

 

Articolo precedenteMagenta/Abbiategrasso. Teatro dei Navigli: appuntamenti imperdibili per grandi e piccini!
Articolo successivoNerviano: 2.500 cittadino rischiano di trovarsi senza medico di base. La denuncia leghista