Il Gorgonzola d.o.p Si Invernizzi al Degusto di Novara

    222

    NOVARA – Degusto Novara. Sarà anche quest’anno il Castello di Novara a ospitare il 21 e 22 settembre l’undicesima edizione di Degusto, uno dei più longevi e conosciuti eventi di gastronomia in Piemonte, che vede protagonisti affermati chef e streetfood nazionale e non.


    Da dieci anni l’inziativa mira a far scoprire a tutti gli appassionati cibi di strada italiani e non ma anche a coinvolgere il pubblico in attività culturali collaterali, come le visite guidate ai centri storici delle città che hanno ospitato i cosiddetti “Streetfood Village”, e convegni, seminari e master di approfondimento.
    Il Gorgonzola DOP Bollonero feat. GriciaBar Showcooking. Il Caseificio della tradizione Si Invernizzi partecipa all’undicesima edizione di Degusto Novara! Un incontro di gusto, passione e tradizione: quelli dell’Alto Piemonte e quelli dell’Aretino. Sarà infatti lo chef Massimo Coltella (già chef della Trattoria La Favorita di Rieti) ad interpretare l’eccellenza del Gorgonzola D.O.P.
    In un omaggio al proprio territorio di provenienza, devastato dalle recenti scosse di terremoto, lo chef firmerà una reinterpretazione del suo piatto forte: la Gricia.
    Il sapore dolce e cremoso del gorgonzola D.O.P. Bollo Nero unito al guanciale croccante e sapido, in un abbraccio goloso con i rigatoni artigianali: una esplosione di gusto da provare nel trunk GriciaBar!
    Una storia emozionante. Il caseificio Si Invernizzi di Trecate è un’azienda artigianale da sempre. Dal 1920.
    Un’azienda di famiglia, innamorata del proprio lavoro. Partita dalla Valsassina per arrivare al confine fra Piemonte e Lombardia. Immersa tra le risaie novaresi. Tutto il latte utilizzato arriva ogni mattina intorno alle 5. Ogni goccia è 100% made in Italy, precisamente munto nelle stalle della Valle del Ticino.
    Il gorgonzola dop e gli erborinati sono i formaggi dei golosi. Di chi ama sorridere. I formaggi di Si Invernizzi sono rigorosamente realizzati a mano. Lavorati lentamente. Utilizzando le caldaiette originali. Come una volta.

    (I.P.)

    Articolo precedente“Sul Filo dell’Acqua in Lombardia”: domani appuntamento ad Abbiategrasso
    Articolo successivoMagenta: domani il taglio del nastro per la farmacia di via Rossini