Il Coro Civico per la Festa della Repubblica

    83

    MAGENTA – Sul palco del Lirico fasciato con il Tricolore le voci del Coro Civico ‘Città di Magenta’, in concerto, hanno onorato la ricorrenza della nascita della  Repubblica Italiana, la sera di venerdì 2 giugno, aprendo ufficialmente e con successo l’intenso fine settimana dedicato alla celebrazione di un’altra importante pagina della nostra Storia, l’anniversario del 4 giugno. Diretti dalla russa Tatiana Borodai, nell’occasione esibitasi anche come soprano, e accompagnati al piano dal Maestro Andrés Jesus Gallucci, i coristi hanno emozionato la platea con la proposta di famosi canti, spaziando dalle più popolari note risorgimental-militari ad intense arie verdiane, da una ‘villotta’ friulana agli inni liturgici del compositore inglese Johon Rutter, per concludere con il ‘Canone della Pace’, musicato da Francois Terral, con il sempre gradito ‘Va’ pensiero’ e, coinvolgendo il pubblico,  con l’Inno di Mameli. La serata, avviata dal saluto della presidente di Anpi Magenta, Nadia Scioscia, è stata intervallata dalla cerimonia di consegna della Costituzione da parte del Sindaco, Marco Invernizzi, ad un gruppo di diciottenni, “di ragazzi del ’99” come li ha presentati, al momento di  invitarli sul palco, la brava Sara Dameno, conduttrice dell’evento. Aperta parentesi: il pensiero non è potuto non andare, ancorché citazioni dal palco non ce ne siano state, ai più famosi ragazzi del ’99, le giovanissime reclute inviate al fronte nel 1917 dopo la disfatta di Caporetto. Chiusa parentesi. A Davide, Beatrice, Irene, Sara, Andrea (abbigliamento più consono alla circostanza … no, eh?) Matteo, Giada, Sara, Alessandra, Susanna e Greta il primo cittadino ha ricordato come alla dignità di ogni uomo concorrano del pari diritti e doveri.

    Franca Galeazzi

    Articolo precedentePD Magenta: domani la Serracchiani e venerdì la festa
    Articolo successivoCesare Nai: “Grazie Fondazione Per Leggere”